Crea sito
Agenzia delle Entrate Economia fisco Grande Fratello fiscale Italia Near field communication Senza categoria smartphone telefoni cellulari

Il fisco ci spierà anche sui telefonini

La scommessa del fisco italiano passa per gli smartphone. Che siano  Iphone o  Samsung poco importa: il Grande fratello fiscale vuole spiare tutti i telefonini dei contribuenti. O, meglio, gli acquisti fatti col cellulare, per passare al setaccio tutte le transazioni di denaro e stanare i furbetti delle tasse.  Entro il 2014, questi i numeri su cui  ragionano all’agenzia delle Entrate per tenere sotto controllo lo shopping degli italiani, ci saranno almeno 8 milioni di smartphone abilitati ai pagamenti virtuali. Una diffusione destinata a crescere a ritmi assai sostenuti anche negli anni successivi.
Di cosa stiamo parlando? Ai cellulari, dotati di schede sim speciali, viene associata una carta di credito o una prepagata: basta appoggiarli ai nuovi Pos (gli apparecchi oggi usati per transazioni con tessere di pagamento) e il gioco è fatto. In prospettiva, pure caffé e giornali si compreranno così, assicurano gli operatori del settore. Convinti che oltre le banconote, pure le monete hanno vita breve. La lotta all’evasione, dunque, si affida alla Nfc (Near field communication): è  la tecnologia che  trasforma gli apparecchi telefonici di ultima generazione in borsellini elettronici. Così, il mobile payment è diventato uno dei grimaldelli  su cui punta il fisco per dire addio alla circolazione del contante. Il progetto è top secret  e per ora è messo sotto chiave negli uffici della direzione accertamento delle Entrate.

Related posts

Una scuola senza pagelle nè voti si può: è il sogno di Ferdinando Ciani

informazione-consapevole

L’eredità di Bauman

informazione-consapevole

Iran:la minoranza che non ti aspetti. Gli ebrei in Iran e la loro storia millenaria

informazione-consapevole