Crea sito
alimentazione Curiosità Dalai Lama Gianni Tota Senza categoria vegetarianismo e veganismo

Il caso:il Dalai Lama non è né vegetariano né vegano, la sua passione culinaria è il vitello con i funghi

Dalai Lama
Di Samuele Tramontano
Pensavate che il Dalai Lama, monaco buddhista tibetano, quella che è stata la più alta autorità teocratica del Tibet, rifiutasse di nutrirsi di animali e avesse sposato il regime vegetariano, o forse addirittura quello vegano?

google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “4536720440”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;

Beh, non è assolutamente così.
È da una intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano da Gianni Tota, l’unico chef italiano autorizzato a preparare i piatti per il Dalai Lama quando è nel nostro Paese, che si è venuti a conoscenza del piatto preferito del monaco; e non è né vegetariano né tanto meno vegano.
“Gli straccetti di vitello con i funghi, per esempio. Adora i funghi” ha dichiarato Gianni Tota.
“Mangia poco, ma un po’ di tutto. Non è né vegano, né vegetariano – spiega lo Chef –. Si sveglia alle 5 del mattino, beve tè e mangia due biscotti senza burro. Poi entra in meditazione fino alle 7. Dopodiché esce dalla sua camera. Lui vuole sempre una stanza a 19 gradi di temperatura, non usa la coperta e tiene solo un lenzuolo ai piedi del letto. Ovviamente nella camera non ci sono né la radio né la televisione. Una volta finita la meditazione, esce dalla camera e va a fare i suoi incontri diplomatici”.
Solitario nella meditazione e solitario anche nel mangiare: “non pranza mai con nessuno, rimane in camera da solo. Poi nel pomeriggio esce a fare incontri e alle 17 rientra in stanza. Beve ancora del tè e mangia solitamente una fettina di torta. La torta mimosa”.

Related posts

IL CASO DEL GIUDICE NOMINATO DA BILL CLINTON CHE HA LIBERATO L’IMAM ESTREMISTA CHE HA INDOTTRINATO IL KILLER DI ORLANDO

Il mistero del “quadrato magico” SATOR

Francia: più donne che uomini fra i nuovi jihadisti partiti per l’ISIS, a partire da marzo