Crea sito
Black Block Guido Vannicelli Milano news Senza categoria

Il caso: black bloc venuti dalla Germania e dall’Inghilterra sono stati fatti passare dai magistrati come semplici writer, e uno di essi è stato lodato per un tatuaggio politico



Di Salvatore Santoru

Com’è noto, molti black bloc che hanno preso parte alla guerriglia di Milano del 1 maggio provenivano da diversi paesi europei, tra cui la Germania e la Spagna.
Tre giorni prima del “May Day” tre ragazzi tedeschi e uno inglese sono stati fermati per via dell’abbigliamento ambiguo (il passamontagna nero usato dal gruppo) per il possesso di bombolette spray, una bottiglia di alcool puro, una torcia e altro, ma rilasciati senza problemi dal giudice Guido Vannicelli, nonostante alcuni precedenti penali e il fatto che non si ricordavano dove fossero stati la sera prima, visto che uno dei quattro ha detto che “siamo venuti per vedere una partita di calcio a Bologna, non ricordo quale fosse l’altra squadra e non ricordo il risultato”.
Per essere rilasciati senza problemi, i ragazzi hanno dichiarato che intendevano fare un pò di scritte nella città e i passamontagna servivano per non respirare troppa vernice, ed inoltre il giudice ha anche elogiato uno dei tre ragazzi per un tatuaggio, considerato sospetto per la polizia che li ha fermati, raffigurante il rivoluzionario comunista e spartachista Kate Duncker, complimentandosi per la sua militanza antifascista, concludendo che il ragazzo non rappresentava assolutamente nessuna minaccia all’ordine pubblico.

Per approfondire:http://www.resegoneonline.it/articoli/Manifestante-No-Expo-in-Italia-per-un-iniziativa-di-writers-a-Lecco-20150501/

http://www.ilgiornale.it/news/politica/magistrati-complici-dei-black-bloc-ecco-tutte-carte-che-prov-1123501.html

Foto:http://www.marxist.ca

Related posts

Padova:offre gratis la sua casa a 6 profughi, ma dai residenti raccolta firme per cacciarli

DANNI DA STRESS? ECCO COME E QUANDO FARSI RISARCIRE DA EQUITALIA

LA COMMISSIONE TRILATERALE A ROMA DAL 15 AL 17 APRILE: ERANO 33 ANNI CHE NON SI RIUNIVA IN ITALIA