Crea sito
John Plamenat Jürgen Habermas Nazionalismo nazionalismo europeo opinioni paneuropeismo

I due nazionalismi europei


Di Bfaulk

http://insubrian-pagan-madness.blogspot.it/


Nel 1973 il filosofo della politica montenegrino John Plamenatz fu il primo a teorizzare una distinzione tra i due nazionalismi principali presenti in Europa: il nazionalismo occidentale (in quanto tipico dei paesi dell’Europa Occidentale) ed il nazionalismo orientale (tipico dei paesi dell’Europa Orientale).



(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});



Secondo il filosofo montenegrino si tratta di una differenza di tipo prettamente tipologico e non già geografico: nazionalismi come quello basco, catalano o irlandese sarebbero di tipo orientale pur trovandosi in nazioni dell’Europa Occidentale.

In cosa sono diversi questi due nazionalismi?

Il nazionalismo occidentale si fonda su un sentimento di stato; quello orientale su un sentimento dietnia.
Il nazionalismo occidentale è inclusivo, e non considera la discendenza etnica di un individuo: chiunque è in grado di riconoscersi nei valori politici del proprio stato; quello orientale è esclusivo, solo gli appartenenti per discendenza ad un’etnia sono membri della nazione.
Il nazionalismo occidentale è di tipo razionale, ed in esso l’individuo stabilisce la sua nazionalità in base alle esigenze politiche e commerciali del momento; quello orientale è di tipo sentimentale e presume che l’individuo stabilisca di appartenere ad una nazione in base al proprio sentimento patriottico interiore.

La causa di questa differenza sarebbe, secondo molti sociologi, nel fatto che le nazioni occidentali hanno in passato avuto delle colonie e questo avrebbe abituato gli stati a raccogliere varie etnie sotto di sé; visione che io condivido in buona parte. Se certamente l’occidentalità (in termini Plamenatziani) di Spagna, Portogallo, Francia, Paesi Bassi, Austria, Danimarca, Belgio, Svezia, e Regno Unito è dovuta al passato coloniale (imperiale per quanto riguarda l’Austria) di questi Stati; ciò non si può certo dire di Italia e Germania, che hanno posseduto colonie in misura molto minore.



Ora; è innegabile che i nazionalismi di cui erano pregni il Regno d’Italia, la Repubblica Sociale Italiana e l’odierna Repubblica Italiana siano stati il non plus ultra del nazionalismo occidentale; mi azzarderei quasi a definirli “l’esempio pratico di quello che il nazionalismo occidentale è”.
Il Regno e la Repubblica Italiana sono esempi di nazionalismo occidentale in quanto questi stati raccolgono all’interno varie identità nazionali viste solo come un rischio all’unità dello Stato, e si danno come scopo quello di schiacciarle violentemente in nome dell’Italianità, senza interpretarle correttamente come invece accade in Germania: dove nessuno negherebbe mai la sua identità di Prussiano, di Bavarese, di Svevo, di Sorbo, di Turingio, di Renano o di Sassone e pure continua a sentirsi rappresentato nella “Germania” di cui il suo popolo fa parte.

Anche l’Italia Fascista, benché definita da Plamenatz come “un episodio di nazionalismo orientale in un paese di cui è tipico il nazionalismo occidentale” fu invece completamente un nazionalismo occidentale; in quanto si trovava ad essere tutt’altro che un nazionalismo legato alle proprie radici di sangue e di nascita, ma un nazionalismo di tipo espansivo, non diverso da quello della Germania Nazista, che voleva estendere l’Italianità a tutti i popoli conquistati; l’italianizzazione forzata di Bolzano ne è la prova pratica.

Per quanto riguarda invece la Germania: la considero il giusto connubio tra il nazionalismo di tipo occidentale e di tipo orientale, per i motivi che ho illustrato sopra, pur con qualche difetto di natura amministrativa.

Questa piccola digressione era necessaria per una illustrazione di quello che è il nazionalismo occidentale e di quali sono state alcune “cause” della nascita di questo tipo di nazionalismo.
Tornando al discorso del rapporto tra i due nazionalismi; molti hanno fatto notare a Plamenatz un errore: quello di non avere tenuto conto del fatto che una nazione, per esistere, debba comunque poggiare su di un substrato etnico per quanto poi a questo si diano delle estensioni di tipo politico. La conclusione che si trae da ciò è che ogni nazionalismo occidentale poggi quindi, inevitabilmente, su un nazionalismo orientale.
Non è difficile capire il perché se si pensa che i primi “teorici” del nazionalismo furono i filosofi esopratutto gli artisti del Romanticismo Tedesco.
Appunto perché questo nazionalismo occidentale poggia sul nazionalismo dei romantici, di stampo orientale, occorre chiedersi cosa abbia dato vita al nazionalismo occidentale; la risposta è sicuramente lo stato in una prima fase, la borghesia in una seconda. Mentre gli stati occidentali erano già “costruiti” a inizio ottocento, se si escludono Germania e Italia; nell’Est gli stati non corrispondevano alle esigenze nazionali dei popoli, e così andavano nascendo gli interessi indipendentisti della Iugoslavia e della Grecia dalla Turchia, della Polonia dalla Prussia, dell’Ucraina e della Bielorussia e delle nazioni baltiche e finniche dalla Russia, dell’Ungheria e della Cecoslovacchia dall’Austria, della Turchia dalle potenze che occupavano il territorio del disciolto Impero Ottomano. Nella stessa Italia si può parlare di un serio sentimento indipendentista basato sull’etnicità per quanto riguarda il Regno Lombardo-Veneto, che era quello di diventare “Italici” e liberarsi dalla “Germanicità” imposta dall’Impero Asburgico.

In questo senso il sentimento di stato si è imposto come conseguenza di quello nazionale, generando quello che è il nazionalismo occidentale.

Va anche detto che, nell’ultimo secolo, anche nell’Europa dell’Est si è assistito a due esempi di nazionalismo occidentale: la slavizzazione delle minoranze etniche dell’Unione Sovietica (Ingriani, Careliani e tedeschi di Königsberg sono solo tre esempi) come. sempre in Unione Sovietica, la propaganda ostile ai costumi Estoni, Batici, Romeni (in Moldova), Bielorussi e Ucraini; e più a Sud l’unitarismo forzato della Serbia in una Iugoslavia ormai inutile a contrastare la dominazione Turca.
Principale teorico, secondo Plamenatz, del “nazionalismo occidentale” sarebbe il sociologo tedesco Jürgen Habermas che concretizza lo sviluppo di questo nazionalismo con il termine Verfassungspatriotismus, ovvero Patriottismo Costituzionale.
Secondo Habermas il patriottismo di tipo romantico è da smantellare, sostituendolo con un nuovo patriottismo  basato sulla Costituzione di uno stato liberale come collante degli individui.


FONTE E ARTICOLO COMP’LETO:http://insubrian-pagan-madness.blogspot.it/2011/08/i-due-nazionalismi-europei.html

Related posts

Saggezza o potere

La crisi della società moderna

informazione-consapevole

La sovrappopolazione mondiale , tra mito ideologico e realtà

informazione-consapevole