Crea sito
caldo Expo Expo 2015 Milano news Senza categoria

Gran caldo a Milano, l’Expo diventa un Acquapark: piscina della Repubblica Ceca presa d’assalto



Di Peppe Caridi

La piscina della Repubblica Ceca e’ stata presa d’assalto dai visitatori di Expo con la temperatura salita sopra i 30 gradi, precisamente fino a +33°C per il terzo giorno consecutivo. Mentre gli adulti si sono accontentati di mettere i piedi nell’acqua i piu’ piccoli hanno fanno il bagno, complici anche i salvagente colorati messi in acqua dallo staff. Per sfuggire al primo caldo di stagione molti si sono armati di ombrelli e cappelli per resistere in coda agli ingressi dei padiglioni. E qualcuno ha avuto anche un malore.
<

br />
google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “3535188443”; google_ad_width = 468; google_ad_height = 60;

E’ dovuto con ogni probabilita’ al caldo lo svenimento di un carabiniere sul palco durante la cerimonia di apertura della giornata nazionale dell’Estonia. Proprio alle spalle del presidente estone, Toomas Hendrik Ilves, che pero’ non si e’ accorto di nulla ed ha proseguito con il suo discorso, per poi ad un certo punto osservare che “non pensavo avrebbe fatto tanto caldo”. Le case dell’acqua, ai lati del Decumano, sono state una tappa fissa dei turisti alla ricerca di ristoro, cosi’ come il padiglione dell’Austria: merito degli alberi piantati all’interno che abbassano la temperatura di un paio di gradi e dei nebulizzatori di acqua fresca all’ingresso, (simili a quello utilizzati anche dalla Santa Sede). Intanto la societa’ Expo sta mettendo a punto un piano anticaldo con distribuzione d’acqua e ombrelloni per chi e’ in fila ai tornelli di ingresso.

FONTE:http://www.meteoweb.eu/2015/06/gran-caldo-a-milano-lexpo-diventa-un-acquapark-piscina-della-repubblica-ceca-presa-dassalto-foto/455232/

Related posts

Huang Ti e il Canone di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo

Gli Eagles of Death Metal tornano a Parigi con gli U2

informazione-consapevole

Conflitto israelo/palestinese: la situazione è sempre più critica, ma non tutto è perduto