Crea sito
alta moda Capitalismo Coin Consumismo Francia moda mode Multinazionali neoliberismo pedofilia pedopornografia Pubblicità Società società dell'apparire società dell'odio

Gli spot vergogna con le sexy bimbe

Di Rosa-Eliotropo blog

Rosa 

Ho letto nei giorni scorsi qualche richiamo a questo argomento ma non gli ho dato grande importanza, nel susseguisi delle mille notizie che sono il nostro pane quotidiano, sino a che questa mattina, non mi è capitato questo articolo de “Il Fatto Quotidiano” che riguarda uno spot francese.
Non so dirvi se sono solo dolorosamente stupita o proprio incavolata nera, anche se conscendomi è più probabile la seconda ipotesi. 
Il modello che viene proposto da questo messaggio pubblicitario è abbastanza agghiacciante…
Alla faccia della condanna morale per la pedofilia…si sceglie, pur di imporre un prodotto di “giocare” su queste torbide e disdicevoli “attrazioni”.
Ancora una volta, la cultura del danaro ad ogni costo, non si ferma di fronte a nulla. I valori cambiano e non sempre in meglio. 
Oggi, sempre di più la bellezza diviene “veicolo” di potere. L’aspetto, l’esteriore, quel che non è sostanza, ma apparenza. 
Il vuoto d’ogni morale si riempie di valori vacui, assurdi…annullanti.Sino ad arrivare ai sexy bambini…per chi? Perchè? 
Questi sono i valori che trasmettiamo ai nostri figli, che non saliranno su un albero, non correranno in un prato, non conosceranno bandiera e mosca cieca, non sapranno nemmeno cosa sia un due tre stella, campana…ma indosseranno, invece, abiti firmati e biancheria sexy. 

Ci hanno creato un mondo in cui non riusciamo più a trasmettere tradizioni, valori, cultura sapienziale ed orale in cui il “principio femminile” potrebbe al massimo essere un ottimo nome per un profumo. 
Trasmetteremo forse, il numero di cellulare di un buon fotografo per il book e l’indirizzo del pied-a-terre di qualche politico o regista o selezionatore di Talent Show?


Namastè
Rosa
_________________________________________________________________________________
Questo l’articolo integrale. 

fonte: Il FattoQuotidiano

di Caterina Soffici
Un’azienda francese produce intimo versione “baby” con modelle in pose sexy che non arrivano a dieci anni. Sul web è partito il tam tam degli indignati. Lo spot è già stato segnalato al Giurì per la Pubblicità
Boobs and Bloomers, ovvero tette e mutande. La scelta del nome sarebbe già ridicola se il marchio fosse di indumenti per adulti. Questa, invece, è lingerie sexy per bambine. A giudicare dalle foto avranno otto o nove anni. Truccate come delle piccole Lolite, in pose ammiccanti, aspiranti donne che imparano a usare il proprio corpo, perché visto come gira il mondo è utile capire fin da piccole che “ogni donna è seduta sulla propria fortuna” (come scrisse Piero Ostellino in un dimenticabile articolo sul Corriere della Sera per giustificare le carriere fulminanti di varie ministre e consigliere regionali Pdl).

Che dire di queste foto? La prima immediata reazione nel vedere delle bambine conciate così è di infinita tristezza, per la pochezza etica e culturale di adulti che usano il corpo di queste ragazzine in modo così spregiudicato. Poi scatta l’indignazione vera e propria. Perché questa campagna pubblicitaria di reggiseni imbottiti per bambine è doppiamente pericolosa.

Se da una parte veicola un’immagine delle donne fondata solo ed esclusivamente sull’avvenenza sessuale, dall’altro è una chiara incitazione alla pedofilia. Guardatele, sembrano delle bamboline di plastica. Sembrano tratte dal sito porno pedofilo invece che dalla campagna pubblicitaria di una ditta olandese che commercializza i suoi prodotti anche in Italia tramite grandi magazzini come la Coin.
La foto delle ragazzine con l’accappatoio ci è stata mandata da un lettore che ha scattato la foto negli spogliatoi dell’Aquafan di Rimini. È già stata segnalata al Giurì della Pubblicità. E su Internet ha già iniziato a circolare una controcampagna, molte persone indignate stanno tempestando il sito della ditta che infatti ha rimosso le foto (almeno dal Web, non risulta per le affissioni) balbettando giustificazione poco plausibili, del tipo non era nostra intenzione avvicinare il marchio alla pedofilia eccetera.
Negli anni Settanta Elena Gianini Belotti scrisse un testo molto interessante (Dalla parte delle bambine, Feltrinelli) dove denunciava il precoce condizionamento delle bambine e spiegava come l’educazione sociale e culturale all’inferiorità femminile si compiva nel giro dei primi anni di vita tramite i giochi, le pubblicità, addirittura i libri di testo scolastici. Lavoro poi aggiornato nel 2007 da Loredana Lipperini in Ancora dalla parte delle bambine, che raccontava come la situazione non fosse cambiata, ma anzi peggiorata da tutto il nuovo merchandising fatto di bambole sexy, trucchi per preadolescenti, cartoni animati, marketing forsennato.
Nessuna delle due scrittrici poteva immaginare di leggere le cronache che ben conosciamo, con vergini offerte al drago, minorenni che si vendono con una spregiudicatezza inquietante, addirittura madri, padri e fratelli che incitano a prostituirsi.
Ogni giorno c’è nuovo materiale per aggiornare ulteriormente quei testi. Viene da chiedersi se è più la realtà che stuzzica l’immaginario o se i due piani viaggiano di pari passo. Di certo queste bambine, alle quali viene propinato come prodotto normale un sexy push up, non diventeranno adolescenti in grado di capire e difendere l’importanza del proprio corpo. Penseranno che è giusto, oltre che lecito, usarlo (Ostellino docet, sempre lui…). E i loro coetanei maschi – per non parlare di pedofili e malati sessuali di altro tipo – si sentiranno sempre più in diritto di usarlo, quel corpo, a proprio gradimento. In fondo il push up serve a sentirsi desiderate, no? Chi preda sessuale si fa, soprattutto se non ha gli strumenti per capirlo e per difendersi, è facile che poi ne subisca la conseguenze. Così adesso sappiamo chi ringraziare se fanno sesso a 12 anni. Se le violenze contro le donne aumentano. Se a 18 anni vorranno rifarsi il seno.

Related posts

Verso una rivoluzione politica

informazione-consapevole

I FONDI PENSIONE SI ACCAPARRANO LE TERRE AGRICOLE

informazione-consapevole

In Russia sarà creata l’antipubblicità dei fastfood

informazione-consapevole