Crea sito
Bush nazismo Prescott Bush storia

Gli affari di Prescott Bush (nonno di George) con i nazisti



Di Enrico Franceschini

Voci di connessioni tra “nonno Bush” e il nazismo circolano da anni. Del resto già nel 1942, quando scoppiò il caso, il New York Herald Tribune pubblicò un articolo intitolato: «L’ angelo di Hitler ha 3 milioni di dollari in una banca americana». Prescott Bush, nonostante la confisca dei beni, fu pienamente assolto da ogni responsabilità. <

br />

google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;



Ma il Guardian ha potuto consultare negli archivi di Washington una quantità di documenti sull’ argomento, “declassificati” soltanto un anno fa, e ora afferma che in quelle voci ricorrenti c’ è qualcosa di vero. Formulando un’ ipotesi, sia pure da verificare: la fortuna guadagnata da Prescott Bush facendo affari con il nazismo, con gli amici di Hitler, con gli sfruttatori del lavoro carcerario a Auschwitz, servì a lanciare la dinastia che ha condotto “il nonno” sui banchi del Senato americano e i suoi discendenti, un figlio e un nipote (per adesso, in attesa di altri), alla Casa Bianca. Il titolo con cui il Guardian apre l’ inchiesta, bisogna dire, non è uno dei migliori esempi di understatement, l’ attitudine tutta inglese a sminuire anziché esagerare un concetto: «In che modo il nonno di Bush aiutò l’ ascesa al potere di Hitler». Può dare l’ impressione fuorviante che Prescott Bush fosse un simpatizzante del nazismo (non lo era) e del Furher (nemmeno). I fatti portati alla luce, in realtà, sono i seguenti. Dopo avere conseguito una laurea a Yale (la stessa università frequentata dal figlio e dal nipote: ma questo non è un reato), Prescott Bush ottenne un posto come direttore dell’ Union Bank Corporation, banca d’ affari di proprietà dei fratelli Harriman, ricchissima famiglia di banchieri newyorchesi. Per conto degli Harriman, la Union Bank gestiva gli interessi di Fritz Thyssen, l’ industriale tedesco che aiutò (lui sì in modo cruciale) Adolf Hitler a prendere il potere. Tra le numerose società gestite dalla Union Bank, ce n’ era una in particolare, la “Sielesian American Company”, che agiva come holding, ovvero come la finanziaria, della “Consolidated Sielesian Steel Company”, la grande acciaieria tedesca con cui Thyssen si arricchiva producendo cannoni e carri armati per il Terzo Reich. Scoppiata la seconda guerra mondiale, i detenuti di alcuni campi di concentramento nazisti vennero impiegati da Hitler come forza lavoro per l’ industria bellica e civile. Quelli di Auschwitz lavorarono appunto per la “Consolidated Sielesian Steel Company”, e in ultima analisi, sostiene il Guardian, per Prescott Bush. Il quale poi, finita la guerra, si candidò al Senato, vinse, ed ebbe una lunga, onorata carriera come repubblicano “moderato”. Certamente aveva abilità e phisique du rôle, tanto da indurre un collega a commentare: «Non ho mai visto nessuno che somigli a un senatore più di Prescott». Ma aveva qualche scheletro nell’ armadio? Fino a che punto trasse vantaggio dalle connessioni con l’ industriale nazista? Come e quando si rese conto di fare “affari col nemico”, affari che portavano sino al famigerato ingresso di Auschwitz? Il Guardian non è il solo a porre queste domande. Le pone anche The Jewish Advocate”, un noto settimanale ebraico newyorchese. Le pongono tre libri in uscita negli Usa. Domande che ormai non toccano tanto Prescott Bush, morto nel 1972, quanto i suoi eredi.

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/09/26/gli-affari-sporchi-di-nonno-bush-si.html

Related posts

Gli stupri e le politiche di femminicidio dell’esercito USA contro le donne giapponesi durante l’occupazione del paese

La storia di Leni Riefenstahl, da regista Terzo Reich a fotografa degli abissi marini

È nato prima lo stato o la guerra?

informazione-consapevole