Crea sito
Fukushima Giappone news Senza categoria

FUKUSHIMA: 5 ANNI DOPO PREGHIERE TRA LE MACERIE

<

br />
Tra le macerie di Sendai, piccoli altari improvvisati sono coperti di fiori fin dalle prime luci dell’alba. Una lenta processione di parenti e amici, si raccoglie in preghiera davanti a quelle che un tempo erano case, uffici, negozi e ora sono solo rovine. Un uomo spazza il cortile della scuola Okawa di Ishinomaki dove i monaci intonano canti e genitori piangono i figli. A Rikuzentakata, nella prefettura di Iwate, qualcuno si inchina davanti al pino solitario, l’unico albero che sopravvisse alla furia del mare; è stato curato e poi rimesso al suo posto ed è diventato un simbolo di speranza. Oggi, il Giappone si è fermato per ricordare le vittime del triplice incidente che colpì la nazione 5 anni fa. L’11 marzo del 2011, un terremoto di magnitudo 9 colpì a costa nordorientale del Giappone provocando uno tsunami che spazzò via interi centri abitati e si lasciò alle spalle un bilancio di 18mila morti. L’onda anomala colpì anche l’impianto di Fukushima e i suoi generatori di emergenza, lasciando i tre reattori operativi senza raffreddamento. Il governo dichiarò lo stato d’emergenza atomica evacuando migliaia di persone e nei giorni successivi, dal 12 al 15 marzo, si verificarono diverse esplosioni nei reattori a causa dell’alta concentrazione di idrogeno. Durante la cerimonia al Teatro Nazionale di Tokyo, a cui hanno partecipato l’imperatore Akihito con la consorte Michiko, assieme al premier Shinzo Abe, è stato osservato un minuto di silenzio alle 14:46 (le 6:46 in Italia), l’ora della scossa di magnitudo 9. Le cerimonie di commemorazione si sono poi susseguite nelle tre prefetture di Fukushima, Miyagi a Iwate. Ancora oggi nelle tre prefetture quasi 58.000 persone vivono nei complessi di prefabbricati adibiti a centri di accoglienza, per gran parte persone anziane vulnerabili a problemi fisici e mentali connessi all’incidente e continua il processo di smantellamento della centrale nucleare che richiederà tra i 30 e i 40 anni. 

FONTE:http://www.rainews.it/dl/rainews/media/accadde-oggi-Fukushima-preghiere-tra-le-macerie-5-anni-dopo-disastro-centrale-nucleare-terremoto-tsunami-b31c9282-cd3f-4e38-9101-d7a2fe23991d.html

FOTO:http://www.occupy.com

Related posts

Fotovoltaico portatile: l’energia solare in un trolley

informazione-consapevole

Un “grido di dolore e sofferenza”

informazione-consapevole

“Mattia Sangermano? L’ho intervistato io e ora dico: basta linciaggio, ha tutta la vita davanti”: il racconto del giornalista del TgCom