Crea sito
filosofia Nietzsche psicologia Senza categoria stati d'animo

Friedrich Nietzsche-Sugli stati d’animo:2° parte

(Prima parte:http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/08/friedrich-nietzsche-sugli-stati-danimo1.html)

Ma l’anima non recepisce soltanto tramite la volontà; essa è fatta della stessa materia degli eventi, o di una materia simile, e da ciò proviene che un evento che non trova una corda affine, grava tuttavia sull’anima col peso dell’umore, e può gradualmente acquistare una tale preponderanza da schiacciare e comprimere il suo restante contenuto. Gli stati d’animo derivano dunque dai conflitti interni ovvero da una pressione esterna sul mondo interiore.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 Qui una guerra civile di due campi opposti, là l’oppressione del popolo da parte di un ceto, di un’esigua minoranza. Quante volte, quando tendo l’orecchio ai miei pensieri e sentimenti e tacitamente mi sorveglio, me è sembrato di udire il ronzio e lo strepito delle turbolente fazioni, come se qualcosa stormisse per l’aria, come quando un’aquila o un pensiero si levano incontro al sole. La guerra è l’alimento costante dell’anima, che da essa sa trascegliere per sé quanto le basta di dolcezza e di bellezza. Ciò facendo distrugge e procrea il nuovo, lotta accanitamente, ma attrae soavemente il nemico dalla sua parte per un’intera unione. E ciò che più stupisce è che non bada mai all’esteriorità: nomi, personaggi, luoghi, belle parole, tratti di penna, tutto è per lei di valore subordinato; ed essa pregia invece ciò che è nascosto nella scorza. Ciò che ora è forse tutta la tua felicità o tutto il tuo cruccio, probabilmente tra breve non sarà che l’involucro di un sentimento ancor più profondo e quindi si perderà in sé stesso al sopravvenire di un qualcosa di superiore. E così i nostri stati d’animo si approfondiscono sempre di più, nessuno assomiglia con precisione a un altro, bensì ciascuno è infinitamente giovane e il Parto dell’Attimo. Penso ora a tante cose che ho amato; si sono susseguiti i nomi e le persone, e non voglio affermare che davvero le loro nature siano diventate sempre più belle e profonde; però è vero che ciascuno di questi stati d’animo consimili rappresenta per me un progresso, e che è insopportabile per lo spirito ripercorrere le stesse fasi che ha già percorso; esso vuole espandersi sempre più in alto, sempre più in profondo. Vi saluto, o stati d’animo, mirabili alternanze di un’anima impetuosa, vari come la natura ma di essa più grandi, perché vi superate di continuo, guardate sempre in alto; mentre la pianta profuma oggi come profumava nel giorno della creazione. Io non amo più come amavo qualche settimana fa; in questo momento non sono più dello stesso umore di quando ho incominciato a scrivere.<

br />
(Federico Nietzsche – La mia vita – SCRITTI AUTOBIOGRAFICI 1856- 1869)

FONTE:http://www.thule-italia.net/Libri%20on%20line/Nietzsche_sugli%20stati%20d’animo.pdf

Related posts

La storicità di Gesù

Il Vuoto quantistico

L’origine dell’alchimia