Crea sito
Celebrate Pride Facebook Senza categoria social network

Facebook, Celebrate Pride forse era un’indagine di mercato

http://www.tgcom24.mediaset.it/tgtech/facebook-dubbi-su-celebrate-pride-era-soltanto-un-indagine-di-mercato-_2119484-201502a.shtml

Un fiume arcobaleno ha invaso Facebook nel fine settimana. Merito della sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti, che venerdì ha riconosciuto come diritto costituzionale il matrimonio omosessuale. Il social più famoso del mondo, così, ha permesso agli utenti di esprimere la propria soddisfazione rielaborando le foto profilo con i colori dell’iride. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250; Dietro questa scelta, però, si potrebbe nascondere una vera e propria indagine di mercato.<

br />A rivelarlo sono stati alcuni esperti, i cui pareri sono stati ripresi dalla testata nordamericana The Atlantic. “Questo è probabilmente un esperimento di Facebook”, ha scritto sulla propria bacheca Cesar Hidalgo, ricercatore all’Mit di Boston. Sono bastate poche ore, infatti, perché un milione di persone aderisse all’invito di “Celebrate Pride“; una tendenza che si è poi sempre più diffusa.

Numeri che ora il colosso di Menlo Park ha a disposizione e che migliorerebbero ulteriormente la conoscenza di convinzioni e comportamenti degli iscritti al social. L’intenzione di Facebook e dei suoi data scientist – avvisano gli esperti – potrebbe essere quella di studiare la propagazione dei fenomeni virali.

Qualcosa di simile era già avvenuto nel recente passato a proposito delle domande su sentimenti ed emozioni, oppure riguardo alle dinamiche di voto. Nello scorso marzo, inoltre, uno studio realizzato da Bogdan State, ricercatore a Stanford, e Lada Adamic, data scientist di Facebook, aveva analizzato una situazione analoga: il cambio delle immagini profilo con il logo della “Human Rights Campaign” a favore delle nozze gay.

Nello studio i due parlavano di “slaktivism“, un modo leggero e poco impegnativo di schierarsi nel dibattito pubblico pro o contro alcuni argomenti, senza per questo rischiare molto. Queste iniziative, come dimostrano State e Adamic, non passano però inosservate agli analisti. Un po’ come potrebbe essere avvenuto di nuovo nello scorso weekend.

Facebook, da parte sua, si limita a rendere noti i dati dell’iniziativa. “Sono più di 26 milioni le persone che hanno cambiato la foto profilo – si legge in un comunicato – per esprimere il proprio supporto alla comunità LGBTQ“. Immagini che hanno ricevuto più di 565 milioni di like e commenti, coinvolgendo anche volti noti del cinema o della politica.

Tra i vip che hanno scelto di applicare il filtro arcobaleno alle loro foto spiccano Arnold Schwarzenegger in versione Terminator, la presidente brasiliana Dilma Rousseff,Leonardo di Caprio e molti altri. “L’idea – conclude Facebook – è stata progettata da due stagisti la scorsa settimana. Il prodotto è piaciuto molto internamente ed è stato deciso di renderlo disponibile per il pubblico. Giusto in tempo per il weekend del Pride e per festeggiare la storica sentenza negli Stati Uniti”.

Related posts

Il razzismo di certi “antirazzisti”

Germania: nasce PEGADA, il movimento “contro l’americanizzazione dell’Europa” e le guerre della NATO

informazione-consapevole

Il misterioso caso di Mike Pike:soffre di paralisi notturna e durante la notte riprende con una videocamera una strana ombra sul suo letto

2 comments

laura ghianda Luglio 1, 2015 at 8:46 am

Bufala!!!!Ma dai su si capiva! Vedi sito bufale un tanto al chilo….

laura ghianda Luglio 1, 2015 at 8:49 am

Bufala!!!!Ma dai su si capiva! Vedi sito bufale un tanto al chilo….

Comments are closed.