Crea sito
filosofia Informazione Consapevole moda opinioni psicologia riflessioni Rivoluzione consapevole Senza categoria Società sociologia

Essere se stessi: ciò di cui abbiamo realmente bisogno

10 regole per essere felici Come essere Felici, 10 regole per essere felici.

Di Salvatore Santoru

Come viene affermato molto spesso, la società contemporanea è fondata completamente sulla dittatura dell’apparenza, della superficialità e dell’effimero.
Non importa cosa si è realmente, l’unica cosa considerata veramente valida sono determinati “status symbol”, come la ricchezza materiale, la capacità di primeggiare socialmente, l’abbigliamento e così via.


L’unica norma su cui si fonda tale società è basata sulla moda e sull’adattamento ad essa, visto che ci hanno fatto credere che la novità equivalga sempre e comunque al miglioramento.

Per moda in questo caso non intendo solo sfilate o cose del genere, ma tutto quel sistema di creazione di opinioni e correnti prestabilite e propagandate alla massa, tramite il compulsivo utilizzo dei mass media o frenetiche strategie di marketing.

lavaggio del cervello

Essenzialmente, la moda definisce cosa è “cool” e cosa no, e quindi ciò che è considerato “giusto” da ciò che è “sbagliato” nella nostra società, oltre qualsiasi valore comunemente inteso.

Inoltre, la moda nega ogni valore che sta alla base della nostra convivenza civile o persino del nostro stesso essere umani.

Nella nostra società plasmata secondo questi parametri, regna incontrastato un nichilismo estremo, che nega l’esistenza di qualsiasi valore, e dove periodicamente si assiste alla creazione e distruzione di nuovi valori passeggeri, senza un reale fine, se non la totale disintegrazione della stessa società e degli individui che la compongono.


Com’è noto, un forte ostacolo alla moda è l’autonomia individuale e il costante, faticoso ma produttivo pensiero critico.

Difatti,seguire la moda significa rinunciare alla propria reale identità, facendosi trasportare nel “gregge”, bypassando il proprio spirito critico.


La società contemporanea è evidentemente modellata su ciò, e difatti è una società che continuamente maschera sé stessa per non mettere in discussione i modelli su cui è fondata.

Inconsciamente o meno, la maggior parte degli individui segue le tanti mode o illusioni vendute dai mass media, sia per colmare quel vuoto esistenziale tipico della nostra era, sia per apparire “in” e in questo modo conformarsi a un’ artificiale identità che non le appartiene.


Purtroppo, tale caratteristica non è più solamente tipica della fase adolescenziale, ma è una “norma” comunemente accettata e propagandata per tutti all’interno della nostra società, sempre più immatura e sempre meno indipendente.

Un’esempio di tale atteggiamento lo si può vedere con la diffusione costante della moda dei piercing o dei tatuaggi.

IMMAGINI E FOTO DI PIERCING ESTREMI

Chiaramente, qua non si sta criticando la scelta di farsi un tatuaggio o un piercing, ma solamente far notare come agisce questo meccanismo di omologazione.


Ora come ora, la maggior parte delle persone ( anche non giovani ) aderisce ai dogmi di questa moda, e sembra che lo faccia più per risultare “in” e “al passo coi tempi”, piuttosto che per vere scelte esistenziali.


Si può ben affermare che è un modo come un’altro per “mascherare” la propria reale identità, e per fuggire da se stessi, probabilmente visto che inconsciamente ciò è considerato come l’unica via d’uscita dal nichilismo dominante.


Ma, per quanto possa risultare atipico a chi è atrofizzato dalla “cultura” di massa dominante, un’alternativa al nichilismo esistenziale dominante c’è, ed è semplicemente essere se stessi.

Essere se stessi, perchè la nostra persona è ciò di cui abbiamo realmente bisogno, non di mode o illusioni vendute per schiavizzarci mentalmente.


Essere se stessi, e non continuare più a imitare o invidiare le gesta di questo o quel VIP, o adattarsi a questa o quella sottocultura, dimenticando cioè che è realmente importante.


Essere se stessi, perchè la vera perfezione siamo Noi stessi, e non abbiamo bisogno di screditarci per essere simile a questo o a quell’altro personaggio costruito artificialmente da qualche agenzia pubblicitaria, o casa discografica e così via.


Essere se stessi, e quindi seguire la propria Via, alimentare e consolidare i propri interessi, essere fieri di noi stessi perchè ciò è l’unica cosa di cui abbiamo bisogno.

Essere se stessi, e quindi accettarci per come siamo con tutti i nostri limiti e difetti, per essere migliori e non artificiali cloni dipendenti da questa o quell’altra tendenza passeggera, visto che le mode passano istantaneamente, mentre noi abbiamo bisogno di costruire un nostro percorso, per quanto possibile consapevole e indipendente.

Related posts

Economist: in Europa migranti arrivano in maggioranza senza donne: maschi il 73%, in Italia 90%

informazione-consapevole

Il Qatar si compra un’intero quartiere di Milano

informazione-consapevole

Riviste,radio, musica rap: la propaganda culturale dell’ISIS

informazione-consapevole