Crea sito
Gradisca news profughi Senza categoria

Emergenza profughi, perquisita la società che gestisce il Cara di Gradisca per truffa

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/05/28/news/profughi-perquisita-la-societa-che-gestisce-il-cara-di-gradisca-1.11510621

La Procura della Repubblica di Gorizia ha disposto delle perquisizioni delle sedi del consorzio “Connecting People”, specificatamente, negli uffici di Gorizia, Trapani e Catania.
Le perquisizioni, in relazione alle quali vi è ancora il più stretto riserbo, sono state delegate dal sostituto procuratore, Valentina Bossi, alla guardia di Finanza di Udine.
Le attività sembrerebbero riferirsi a una prosecuzione delle indagini che hanno già portato al rinvio a giudizio presso il tribunale di Gorizia di 11 persone, dirigenti e dipendenti della “Connecting People”, per fattispecie di truffa a danno dello Stato e inadempienza di pubblica fornitura, e di due funzionari della prefettura di Gorizia per reato di falso materiale e ideologico in atti pubblici.
Tale ipotesi accusatoria – ora in dibattimento – si riferiva a una indicazione nella struttura goriziana di un numero maggiore di ospiti rispetto a quelli effettivamente presenti e all’omessa fornitura di alcuni servizi – carte telefoniche prepagate e acqua – contrattualmente previsti.
Il consorzio “Connecting People” gestisce sul territorio nazionale più centri per immigranti e profughi, tra i quali quello per richiedenti asilo di Gradisca d’Isonzo.
Il consorzio “Connecting People” ha richiesto una procedura di concordato al Tribunale di Trapani e la situazione, anche in relazione al mancato pagamento degli stipendi del personale, è stata recentemente portata all’attenzione di un noto programma televisivo di livello nazionale.
Due giorni
fa, sul sito ufficiale della società è apparso un comunicato che specifica che il Consiglio di Amministrazione, «avendo ottemperato al mandato ricevuto dall’assemblea del 9 ottobre 2014 per il risanamento del Consorzio onde evitare lo stato di crisi delle associate, ha deciso di dimettersi».

Related posts

ATTACCO MOSCHEA QUEBEC CITY, L’ATTENTATORE ERA ANCHE “SIMPATIZZANTE” DI BUSH E MC CAIN E NON SOLO DI TRUMP E LE PEN COME RIPORTATO DAI MEDIA MAINSTREAM

informazione-consapevole

Ridurre debito e disuguaglianze? Basta togliere alle banche il potere di creare moneta dal nulla

Papa Francesco ai giovani: “La vostra felicità non è un’app”