Crea sito
droni Ehang 184 Senza categoria

“Ehang 184“, il primo drone per il trasporto umano

Presentato in questi giorni al Ces 2016 di Las Vegas, Ehang 184 è il primo quadricottero da trasporto umano, in grado di sollevare una persona a 3 km di altezza con un’autonomia di 23 minuti (o 16 km), con picchi di velocità di 100 km orari.

Munito di quattro eliche, questo innovativo drone monoposto ha una dimensione di 3,8 x 3,8 metri ad ali spiegate, e di 2 x 2 metri ad ali richiuse, e può sollevare una persona (peso massimo 105 kg) a 3 km di altezza.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

La guida è autonoma, gestita da un vero e proprio pilota automatico. Una volta entrati, si può impostare la partenza e la destinazione del proprio percorso: lo si raggiungerà con una velocità massimo di 100 km all’ora.
Il drone, per questioni di sicurezza, è costantemente collegato ad una centralina d’assistenza e permette di intervenire con i comandi manuali nel caso si volesse riprendere il controllo della guida. Il pilota automatico, comunque, è capace di eseguire un atterraggio autogestito in caso di emergenza.
In caso di necessità è fornito di batterie supplementari, pronte per intervenire nel caso non siate ancora giunti a destinazione e le batterie principali fossero in via di esaurimento.
Lo spazio interno, ovviamente, è limitato. Ma è dotato di tutti i confort: c’è l’aria condizionata, la luce per consentire di leggere e un tablet da 12 pollici con connessione LTE. E volendo c’è anche lo spazio per portare con sé un piccolo bagaglio.

Con  l’Ehang 184 si possono fare circa 16 km o comunque 23 minuti di viaggio: dopo sarà necessario rimetterlo in ricarica per almeno 2 ore.

Si tratta comunque di un prototipo (anche se la Ehang ha comunicato che sarà commercializzato nel 2016).
Il prezzo? Si va dai 200 ai 300 mila dollari.

Related posts

L’Italia ha pagato quasi 14 milioni per i riscatti di Greta e Vanessa, Quirico e Pellizzari. Al Jazeera mostra le prove, governo nega ancora

Il fumettista Zerocalcare: «Nei miei personaggi vedo ben poco di eroico»

informazione-consapevole

La fabbrica delle emozioni: come indurle attraverso la musica