Crea sito
antisemitismo conflitto israelo/palestinese news ONU Senza categoria UN Watch UNRWA

Dipendenti dell’UNRWA sanzionati dall’ONU per antisemitismo

Di Salvatore Santoru
Secondo quanto riportato da “Jewish Telegraphic Agency” e da altri siti web(1), diversi dipendenti del l’agenzia delle Nazioni Unite la gestione dei profughi palestinesi (UNRWA) sono stati sanzionati per la diffusione di contenuti di stampo antisemita.
Secondo quanto rivelato dall’ONG “Un Watch”, le sanzioni sono state rese note il 20 ottobre sul sito dell’ufficio(2) del portavoce del segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon.
Secondo un rapporto della stessa “Un Watch” pubblicato a settembre, su Facebook ci sono stati diversi casi di antisemitismo che hanno coinvolto funzionari dell’UNRWA, tra cui quello di Ahmed Fathi Bader,che nel social si identifica come vice preside in una scuola dell’agenzia ONU, che ha elogiato l’uccisione di “un gruppo di collaboratori con gli ebrei” effettuata da Hamas lo scorso anno, e Mohammed Abu Staita, che si identifica come dipendente dell’UNRWA, che ha pubblicato una vignetta di stampo antisemita(3) che raffigura un uomo armato di fucile che caccia un’ebreo (raffigurato secondo il classico stereotipo antisemita del naso adunco) che si nasconde dietro un’albero.
In realtà, non è la prima volta che dipendenti dell’UNRWA pubblicano contenuti considerati antisemiti sul web, e recentemente si era parlato della pubblicazione del simbolo dell’aquila del regime nazista sul suo account da parte del professore dell’URNWA di Jenin Oday Al Masri.
http://elderofziyon.blogspot.it
Inoltre, poco tempo fa si era anche parlato della pubblicazione da parte dell’account Facebook della scuola di Rameh gestita dall’agenzia ONU,  di una foto considerata antisemita, di seguito.
http://blogs.timesofisrael.com
NOTE:

Related posts

Al Qaeda-Isis, prove di alleanza: “Uniti nella lotta contro Russia e Occidente”

informazione-consapevole

Saggezza o potere

Malesia: arrestato hacker che vendeva segreti Usa all’Isis, è ritenuto il leader del gruppo Kosova Hacker’s Security

informazione-consapevole