Crea sito
Europa Senza categoria terrorismo islamico

Dieci anni di stragi e terrorismo: 500 martiri nel cuore d’Europa

Di Giuseppe+De+Lorenzo
L’Europa gronda sangue. Sangue dei suoi cittadini, colpiti al cuore dagli attentati che da più di 10 anni stanno infiammando il Vecchio Continente.
Piange l‘Europa. Versa lacrime per più di 450 vittime innocenti, figlie del suo ideale di libertà attaccato dalla violenza islamista. Si dispera l’Europa. Urla di rabbia contro una guerra che le sue istituzioni non sono ancora state in grado di fermare. Prega, quando può, l’Europa. Alza la sua richiesta a quel Dio che i terroristi trasformano nel mandante delle loro violenze.
Dagli attentati dell’11 marzo del 2004 a Madrid, alle esplosioni di oggi a Bruxelles, si contano più di 453 vittime del terrorismo di matrice islamica uccise nella culla della civiltà occidentale. Vittime inermi. Attentatori infami. Dieci anni di stragi e terrorismo. Ripercorrerli tutti è come riguardare un film a metàò tra l’horror e un dramma. Una pellicola che merita però di essere rivista per ricordare, denunciare, reagire.
Dieci bombe su quettro treni diversi fecero deragliare la sicurezza europea nel lontano 2004. Persero la vita 191 persone e più di 2.000 vennero ferite. Così come da quella ferita presero vita gli altri colpi mortali. Un anno dopo, Londra. Quattro kamikaze si fanno esplodere su tre convoigli e un autobus, portandosi con sé 56 civili. Dopo quel colpo, l’Europa provò a rialzare la testa. Inutilmente. Le misure di sicurezza non bastano. Tanto che l’11 marzo del 2012, Mohamed Merah, un cittadino francese di origine algerina, colpisce mortalmente tre militari a Tolosa. Poi, non contento, si reca tre giorni più tardi in una scuola a Montauban e assassina tre studenti e una professoressa.
Francia, Belgio, Inghilterra, Spagna. Nessun Paese, o quasi, è immune. Tutta l’Europa, comunque, ne è ferita. A Burgas, in Bulgaria, Hezbollah riesce a uccidere 5 turisti israeliani. Come ebrei erano due dei 4 cadaveri al museo di Bruxelles, attaccato da un altro franco-algerino. Poi la cronaca più recente, oscurata dalla bandiera nera dell’isis: i fratelli Kouachi e di Amedy Coulibaly fanno irruzione nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, freddando senza esitazione 12 persone, tra cui alcuni giornalisti. Due giorni dopo, 8 vittime cadono al supermercato kosher sempre a Parigi. Teatro anche dell’offensiva (terrorista*) ai centri di svago dell’Europa. Il 13 e il 14 novembre scorso, un gruppo di terroristi uccide 130 ragazzi, padri, madri, bambini.
Non basta. Non è tutto. E i 28 morti di oggi, a Bruxelles, lo dimostrano.
FONTE:http://www.ilgiornale.it/news/dieci-anni-stragi-e-terrorismo-500-martiri-nel-cuore-deuropa-1238044.html

*Parola modificata rispetto all’articolo originale dove si parla di “offensiva islamica”, quando bisogna ricordare che il problema non è l’Islam ma l’estremismo e le strategie terroristiche di diverse formazioni islamiste radicali.

Related posts

La verità sull’olio di palma, oltre gli allarmismi diffusi ultimamente

Ecco tutti i panifici italiani che danno il pane gratis a chi non può comprarlo

informazione-consapevole

Serbia: ONG chiedono risarcimento alla NATO per i bombardamenti del 99

1 comment

cinzia milani Marzo 22, 2016 at 4:09 pm

Nomino la signora Simona Puddu, alla ricerca di prestito molti mesi fa io hanno subito molti freghi sul netto. Così ho visto una prova sul sig. Muscolino Giovanni, vi giuro che è diverso egli lo ha mise in fiducia e con prove a sostiene prima di farmi il prestito di 80.000€ ed anche ho rispettato le sue consegne prima di trovare il prestito egli può aiutarli come me. Ecco la sua mail: [email protected]

Comments are closed.