Crea sito
analisi Democrazia Democrazia parlamentare Democrazia rappresentativa elezioni Libertà opinioni Parlamento politica

Democrazia equivale a libertà?

Di Massimo Mazzucco
Ogni tanto capita di leggere commenti del genere “Voi siete qui a lamentarvi della democrazia, ma il semplice fatto che possiate esprimere liberamente la vostra opinione significa che non sapete apprezzare i vantaggi del mondo in cui vivete”.

In realtà, democrazia e libertà sono due cose ben diverse, che vengono assimilate troppo spesso l’una all’altra.

La democrazia è un sistema di governo che permette ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento [1]. La libertà è un principio astratto fra i più fondamentali ed importanti in assoluto nella storia degli esseri umani, che molto raramente è stato davvero rispettato nella storia stessa dell’umanità.<

br />
La confusione fra democrazia e libertà, o meglio l’equazione automatica che spesso facciamo fra le due cose, nasce da un motivo molto semplice, tutt’altro che casuale: il sistema democratico prevede, come quintessenza stessa del suo funzionamento, la “libertà” del cittadino di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento.

Il cittadino si sente “libero” di votare per chi vuole lui, e presume automaticamente che riceverà in cambio la stessa quantità di libertà che ha esercitato nell’esprimere il suo voto.

Ma questo è tutt’altro che vero.

Non sta scritto da nessuna parte che una volta ricevuto il nostro mandato, i parlamentari ne faranno l’uso che noi intendevamo quando glielo abbiamo conferito.

Se davvero il parlamentare (o partito) che abbiamo scelto ci dovesse “rappresentare” in Parlamento, …

… si batterebbe, ad esempio, per avere una maggiore informazione sulla stampa riguardo alle cure alternative. Oppure si batterebbe per evitare che i media continuino a diffondere bugie clamorose come quella dell’11 settembre, di Al-Qaeda o dei cattivi islamici che vogliono mettere a ferro e fuoco il mondo (o chiederebbe almeno un’informazione più equa al riguardo). Oppure ancora, si batterebbe perchè venga fatta luce sul preoccupante fenomeno delle scie chimiche.

Perché invece tutto questo non accade?

Non accade perché le persone (oppure il partito) che noi abbiamo scelto si dimenticano immediatamente di “rappresentarci” in Parlamento, e si approfittano invece del nostro mandato per partecipare a quel sistema di potere che in realtà finisce per ritorcersi contro noi stessi.

La nostra Costituzione stabilisce il totale diritto ad esprimere liberamente le proprie idee, ma poi per un qualche motivo questa libertà non viene affatto esercitata dagli organi di stampa, che vengono messi invece sotto controllo dallo stesso sistema di potere che noi abbiamo contribuito a legittimare.

La democrazia quindi è un’arma a doppio taglio, che illude il cittadino di poter determinare il proprio futuro grazie alle scelte elettorali, ma che poi approfitta dell’incapacità del cittadino di usare correttamente quest’arma, e ritorce contro di lui l’enorme potere che ne ha ricevuto.

Sta quindi per prima cosa al cittadino di imparare a pretendere che i propri rappresentanti facciano effettivamente ed esclusivamente ciò per cui sono stati scelti, ed a punirli con una mancata e definitiva rielezione al Parlamento nel caso in cui non lo facessero.

Finchè continui a legittimare le stesse persone che già ti hanno messo le catene in passato, sarai tu stesso a stringere nuovamente quelle catene ai tuoi polsi.

Pensate che bello: siamo partiti da “democrazia uguale libertà”, e siamo finiti a “democrazia uguale auto-prigionia”.

Democrazia e libertà sono due cose molto diverse: la prima la scegli, come semplice sistema di governo, ma la seconda te la devi conquistare.

 [1] – Lasciamo da parte il fatto che la scheda elettorale ci proponga una libertà di scelta molto “limitata”, e facciamo finta che nel momento di apporre il voto noi stiamo veramente esercitando un gesto di totale libertà. Ragioniamo intanto all’interno di questo paradigma, per non complicare troppo le cose.

Fonte:http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4087

Related posts

La Turchia verso il rischio di una guerra civile

informazione-consapevole

La Sicilia, i Forconi e l’Islanda. Strani legami contro il default

La “carità” di un certo assistenzialismo occidentale sta devastando l’Africa in un circolo vizioso di dipendenza economica:la tesi dell’economista Dambisa Moyo