Crea sito
Debora Serracchiani Iran news PD

Debora Serracchiani col velo in Iran ma il Pd friulano protesta

Guarda la versione ingrandita di Debora Serracchiani col velo in Iran. Pd friulano protesta


http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/debora-serracchiani-col-velo-in-iran-pd-friulano-protesta-2356680/#sthash.7c2APclG.dpuf
<

br />Debora Serracchiani in Iran col velo. E in Friuli Venezia Giulia monta la polemica. Scrive Elisabetta Batic sul Gazzettino che Ad intervenire duramente è il senatore del Pd Lodovico Sonego: «La Presidente Serracchiani col velo. Immagine dolorosa, a maggior ragione dopo i fatti di Colonia. Ho sempre cosiderato un errore la prassi del capo coperto, anche in occasione di visite al sommo Pontefice».«Si tratta – prosegue Sonego – di una ostentazione della sottomissione della donna e della negazione dell’uguaglianza rispetto all’uomo. In altri termini la violazione del principio dell’uguaglianza tout court. Quella sottomissione è ancor più inaccettabile se assentita da chi ricopre una rilevante carica istituzionale ed esercita una importante funzione di leadership politica nazionale. Donne a capo coperto mai, innanzi a chiunque». Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia si trovava a Teheran per inaugurare la seconda edizione di “Contract Made in Italy“, una vetrina delle produzioni italiane, soprattutto del legno-arredo, di tutto il Triveneto. Trieste Prima riporta le parole della governatrice: «Intendiamo incrementare le collaborazioni tra il Friuli Venezia Giulia e l’Iran» sempre nelle parole della presidente Serracchiani, un mercato di quasi 80 milioni di abitanti, con una grande Teheran che conta quasi 17 milioni di persone e conosce e apprezza il made in Italy. «I nostri punti di forza sono la meccanica, l’arredamento, la cantieristica, l’industria del gusto» ha ricordato Serracchiani, segnalando anche l’esigenza di allacciare nuovi contatti Fvg-Iran attraverso le relazioni commerciali del porto di Trieste. «Ma il Friuli Venezia Giulia non offre solo partnership economiche e nuove direttrici per i commerci iraniani, via scalo portuale di Trieste, ma mette sul piatto anche il suo articolato sistema scientifico per lo scambio e il trasferimento tecnologico» ha rimarcato Serracchiani. «La cornice nella quale muoversi resta, come più volte sottolineato oggi, la scadenza delle sanzioni economiche, e l’Italia (che di fatto oggi è il primo Paese come numero di delegazioni d’alto livello ad interfacciarsi con l’Iran, ha ribadito Conciatori, superando anche la Germania) vuole tornare ad essere il primo o tra i primi partner economici dell’Iran» ha auspicato il viceministro Esfahbodi, rimarcando che l’interscambio Italia-Iran è stato in passato anche di sette miliardi di dollari. 

Related posts

EXOMARS IN RAMPA DI LANCIO: L’EUROPA PARTE PER MARTE

Razzismo e pregiudizi possono essere “disimparati” durante il sonno grazie a una manipolazione del processo con cui il cervello apprende. I risultati di una ricerca della Northwestern University

BELGIO, DUE AGENTI FERITE DA SOSPETTO TERRORISTA ISLAMISTA AL GRIDO DI ‘ALLAH AKBHAR’