Crea sito
Economia Europa germania Merkel povertà Senza categoria studi

Critiche alla Merkel: “tarocca” i dati sulla povertà

In Germania, nonostante il buon andamento dell’economia e dell’occupazione, cresce la forbice tra ricchi e poveri. E’ quanto emerge dal contestato rapporto governativo sulla poverta’, approvato oggi dall’esecutivo della cancelliera Angela Merkel. Nei mesi scorsi lo studio era stato oggetto di forti critiche, dopo che la stampa aveva rivelato l’intervento del ministero dell’Economia per ‘edulcorarne’ alcune parti. Nuovamente attaccato sul tema dalla opposizione, il ministro Philipp Roesler pero’ ha liquidato le critiche sostenendo che la Germania, proprio nella crisi, si sia dimostrata il ”paese piu’ cool al mondo”. Stando alla versione originaria del rapporto il 10% di tedeschi piu’ ricchi dispone del 53% del patrimonio netto nazionale, mentre il 50% dei meno abbienti puo’ contare su poco piu’ dell’1%.
In Germania, inoltre, una percentuale di persone tra il 14% e il 16% e’ a rischio poverta’. Tali dati non sono pero’ piu’ citati esplicitamente nella versione finale del rapporto – preparato dal ministero del Lavoro di Ursula von der Leyen – su richiesta del dicastero dell’Economia, guidato dal vice-cancelliere liberale Philipp Roesler. Anche la frase ”i patrimoni privati in Germania sono distribuiti in maniera molto squilibrata”, contenuta nella bozza, e’ stata cassata. Critici e oppositori del governo avevano gia’ in passato gridato allo scandalo, accusando il governo Merkel di imbellettare la realta’. Per conto suo il ministro Roesler ha risposto stamani derubricando le critiche a ”campagna elettorale”: ”La Germania e’ in salute come non mai, tutti lo possono vedere. Siamo il motore della crescita dell’intera Europa e il mondo ci guarda. La Germania e’ il Paese piu’ cool al mondo”.

Related posts

Haarp e Muos : passato, presente e futuro della guerra ambientale planetaria

FERDINANDO IMPOSIMATO SUL CASO DI MAIO-ISPI-TRILATERAL: ‘L’ATTACCO A DI MAIO È DEL TUTTO INFONDATO’

Tratti Psicopatici e Presidenti USA

informazione-consapevole