Crea sito
Arabia Saudita migranti monarchie del Golfo profughi profughi siriani

Crisi migranti: perché l’Arabia Saudita e gli altri paesi del Golfo si rifiutano di accogliere i rifugiati di guerra?

Vignetta dell’artista saudita Abdullah Jaber sull’ipocrisia dei paesi del Golfo per la questione profughihttp://www.bloomberg.com


Di Mark Hanrahan
Mentre l’Europa sta attraversando un periodo di esame di coscienza circa il suo trattamento dei rifugiati, innescato in parte da un’immagine di un bambino siriano annegato che ha fatto rapidamente il giro del mondo, il rifiuto del ricco Golfo arabo di voler svolgere un ruolo significativo per alleviare la crisi sta facendo discutere.
Nazioni europee come Austria e Germania hanno annunciato questa settimana che apriranno le loro frontiere a migliaia di rifugiati – la Germania ha detto che prevede di accogliere quest’anno 800.000  migranti -, mentre alcuni degli stati confinanti della Siria non hanno accolto all’interno quasi nessuno dei rifugiati provenienti dalla Siria crisi, nonostante la loro vicinanza geografica e i legami culturali, religiosi e linguistici più stretti rispetto ai paesi europei.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Amnesty International ha recentemente sottolineato che “sei paesi del Golfo – Qatar, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Kuwait, Oman e Bahrain – non hanno offerto alcun posto per il reinsediamento di rifugiati siriani”. Altre nazioni del Medio Oriente, in particolare, Turchia, Libano e Giordania si sono fatti carico di milioni di rifugiati del conflitto siriano.
Gli analisti si sono affrettati a sottolineare l’apparente discrepanza tra le risorse finanziarie degli stati arabi del Golfo, e l’estensione del loro contributo nell’alleviare la crisi dei rifugiati. Bobby Gosh, il caporedattore del sito web di notizie del Quartz, ha scritto:
“La regione ha la capacità di costruire rapidamente alloggi per i profughi. Le grandi imprese di costruzione che hanno costruito le torri scintillanti di Dubai, Abu Dhabi, Riyadh devono avere un contratto per creare centri di accoglienza per gli sfollati. L’Arabia Saudita ha molta esperienza nel gestire un gran numero di arrivi: riceve un aumento annuo di milioni di pellegrini Hajj alla Mecca. Non c’è alcun motivo per cui tutto questo know-how non possa essere messo a disposizione per uso umanitario”.
“Si vergognino tutti”, ha aggiunto.
Altri commentatori hanno espresso opinioni simili sui social network.

Inoltre, l’hashtag #Welcoming_Syria’s_refugees_is_a_Gulf_duty è stato utilizzato più di 33.000 volte su Twitter la scorsa settimana, secondo la BBC.
Come i paesi europei, l’Arabia Saudita e i suoi vicini temono che i rifugiati e i migranti possano rubare posti di lavoro ai cittadini, e possono anche destare preoccupazioni per la sicurezza e su possibili attentati.
Nessuno degli stati del Golfo è firmatario della Convenzione del 1951 sui rifugiati delle Nazioni Unite, che definisce la condizione di rifugiato e definisce i loro diritti, nonché gli obblighi degli Stati per salvaguardarli. Per un siriano entrare in questi paesi richiederebbe un visto, che, nelle attuali circostanze, è raramente concesso, secondo il Washington Post.
Scrivendo sul sito inglese di International Business Times, l’editorialista Sultan al-Qassemi Sooud ha dichiarato: “Il Golfo deve rendersi conto che è giunto il momento di cambiare la loro politica in materia di accoglienza dei profughi dalla crisi in Siria”.
“È un passo morale, etico e responsabile da prendere.”

Related posts

Salvini: “Pronto ad accogliere un rifugiato in casa”

informazione-consapevole

“Comprò” la moglie in Arabia per 2mila dollari: per il Tribunale di Napoli il matrimonio è valido

IMMIGRAZIONE, LA PROPOSTA DEL PREFETTO MARCONE: ‘DIAMO LAVORI UTILI AI PROFUGHI’