Crea sito
antidiscriminazioni bullismo discriminazioni Eddie Huang Libri Senza categoria Società USA

Com’è difficile essere un asiatico in America. La storia di Eddie Huang

Di Giulia Pompili

E’ facile identificarsi in un gruppo in America, dice Eddie Huang. Se sei nero, ti identifichi con i neri, se sei bianco, ti identifichi con i bianchi. Ma com’è essere asiatico? E’ come essere Eddie Huang, ovvero l’americano asiatico più famoso d’America, almeno in questo momento. La sua non è la classica storia di un riscatto sociale, del bambino che smette di essere soltanto il figlio di due immigrati taiwanesi diventato improvvisamente uno degli chef più famosi di New York. Il suo successo non è solamente la rivincita dello studente vittima di un bullismo feroce, “evidente, palese e violento”, come scrive il New York Times. Eddie Huang è diventato oggi il simbolo di una generazione di cittadini americani che faticano a integrarsi e ad avere il loro spazio nel sogno americano. Gli asiatici d’America, che non hanno mai avuto il loro Martin Luther King.<

br />Huang è nato a Washington trentatré anni fa. Sua madre aveva studiato nelle migliori scuole di Taipei, ed era emigrata in America con i genitori a diciassette anni – verso la fine degli anni Settanta avviene il primo vero flusso migratorio da Taiwan verso gli Stati Uniti: Washington infatti tutelava il piccolo stato sovrano dell’Asia dell’est mentre la Cina vietava ai suoi cittadini di trasferirsi Oltreoceano. Il giovane Eddie cresce in un quartiere bene di Orlando, in Florida. Ma non conosce l’integrazione. Cresce immerso nella cultura americana, soprattutto quella afroamericana, si interessa alla musica hip-hop (gli piacciono 2Pac, Dr. Dre), parla come parlano i ragazzi di strada. Ma è incazzato con la gente che continua a chiamarlo solo un “chink”. Ed è un insulto razziale che dice molto, chink, perché tecnicamente è l’abbreviazione di cinese ma è la parola dispregiativa con cui l’americano medio chiama gli “yellowface”, gli asiatici, come a dire: cinesi, taiwanesi, giapponesi e coreani sono tutti uguali. Privi d’identità, appunto. 



Articolo completo:http://www.ilfoglio.it/articoli/v/125700/rubriche/com-difficile-essere-un-asiatico-in-america-la-storia-di-eddie-huang.htm

Related posts

La Prima Internazionale e le società segrete: tra Filadelfi, Lega dei Giusti e Fratelli Internazionali

La Corea del Nord apre alle messe celebrate da sacerdoti sudcoreani

informazione-consapevole

Miti e storia della Sicilia antica