Crea sito
Globalizzazione Mondialismo opinioni

Che cos’è il Mondialismo e cosa lo distingue dalla Globalizzazione in sé


Di Salvatore Santoru
Con il termine “mondialismo” viene indicato il processo storico dell’attuale globalizzazione, un particolare processo storico che sta portando a una progressiva unificazione e omogenizzazione dell’intero pianeta.
Il termine viene solitamente utilizzato nell’ambito della controinformazione(principalmente quella cospirazionista) così come generalmente dai movimenti e dai partiti politici di destra radicale e qualche volta anche in quelli della sinistra radicale.
Detto questo, ci sarebbe bisogno di chiarire e ampliare il discorso partendo dal fatto che l’utilizzo del termine “mondialismo”, al di là di come lo intendono l’estrema destra e i cospirazionisti, risulta particolarmente azzeccato ne descrivere alcuni processi dell’attuale globalizzazione.
Per chiarire meglio la questione, basti pensare al fatto che una parte delle politiche di “globalizzazione” moderna è stata costituita dalla politica estera imperialista della NATO e degli USA, politica fondata sul cercare di conformare il mondo ai dettami del Pentagono e al modello economico e sociale statunitense, in questo senso una politica di stampo “mondialista”, dove per “mondialismo” si intende l’imposizione di un modello politico(o di altro tipo)su scala mondiale, una globalizzazione imposta(militarmente o meno) e non spontanea.
Seguendo questa logica, si possono considerare(pur con ovvie differenze) mondialiste anche le politiche dell’URSS, così come dei regimi fascisti attivi tra le due guerre mondiali e al giorno d’oggi una buona parte del sistema dell’alta finanza,del complesso militare/industriale e di altri determinati poteri forti occidentali(cui l’imperialismo statunitense è “braccio militare”) così come il fenomeno dell’islamismo militante, sia esso guidato da grandi potenze(Arabia Saudita ad es)che da formazioni estremiste(Al Qaeda,Isis ecc) e specialmente in passato di stampo indubbiamente mondialiste erano le politiche portate avanti dalla Chiesa Cattolica e dalle potenze coloniali europee.

In conclusione, con il termine “mondialismo” si può far riferimento al tentativo di unificare(coercitivamente) il mondo nel nome di un’ideologia o di una determinata fede, e ciò segna la differenza con il fenomeno della globalizzazione e/o mondializzazione, un fenomeno certamente ricco di contraddizioni ma indubbiamente più spontaneo,libero e ricco di potenzialità positive e costruttive.

Related posts

QUELL’IPOCRISIA DI UNA CERTA SINISTRA SULL’ISLAMISMO RADICALE E I SILENZI SULLA CRISTIANOFOBIA

Paolo Gabriele: un Assange in Vaticano

Predatori italiani in Senegal

informazione-consapevole