Crea sito
Cagliari Marina Piccola news parcheggiatori abusivi Poetto Senza categoria

Cagliari:Marina Piccola invasa dai parcheggiatori abusivi, a volte si paga anche 5 euro di pizzo

Ring Marina Piccola: parcheggiatori italiani e stranieri, pizzo salato

http://www.castedduonline.it/cagliari/zonapoetto-santelia/23939/ring-marina-piccola-parcheggiatori-italiani-e-stranieri-pizzo-salato.html

Ring Marina Piccola: parcheggiatori italiani e stranieri, pizzo salato Parcheggiatori abusivi italiani e stranieri si dividono il “ring” di Marina Piccola. A farla da padrone, come vedete nella foto scattata dal nostro lettore Matteo, sono però gli extracomunitari. E i cagliaritani per andare al Poetto, in una delle poche aree di posteggio utili in un litorale invaso dai cantieri aperti, devono pagare il “pizzo”. A volte salato, addirittura di 5 euro. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “3013164442”; google_ad_width = 200; google_ad_height = 200; Nei giorni scorsi erano spuntati anche i cartelli dei parcheggi abusivi, e a sorprendere ancora una volta è la quasi totale assenza di controlli da parte del Comune. “Questa situazione è una vergogna- attacca Matteo- ci sono i parcheggiatori abusivi stranieri e un italiano a torso nudo che chiede soldi. Sono nei parcheggi dello sterrato lato caserma, in viale Poetto. In più gli extracomunitari dominano i parcheggi nell’area asfaltata di Marina Piccola. Spuntano strani parcheggi “custoditi”, per andare al mare bisogna pagare. Per quanto tempo deve andare avanti questa situazione? Dobbiamo farci giustizia da soli oppure il Comune e le forze dell’ordine interverranno prima o poi?”. Matteo aggiunge insieme ad altri bagnanti: “Basta ricatti, basta parcheggiatori abusivi. Se necessario, faremo una petizione popolare che porteremo sul tavolo del sindaco di Cagliari”.

Related posts

Matrix o la dottrina tecnologica del risveglio:1° parte

La costruzione del mito Indoeuropeo: l’ipotesi di un’origine semita e mesopotamica di esso

Romania, dilaga la protesta: 500 mila persone in strada contro il decreto “salva-corrotti”

informazione-consapevole