Crea sito
America America Latina Brasile Capitalismo Globalizzazione industrialismo moda Multinazionali neoliberismo Schiavismo sfruttamento lavorativo Zara

Brasile: Con il “schiavi urbani” di Zara

Tratto da Periodico El Libertario e tradotto da NexusCo

Reproductor multimedia

 Paulo Cabral, della BBC brasiliana, ha visitato un laboratorio tessile a San Paolo dove i lavoratori precari producono capi di abbigliamento per Zara. Nel seguente video e relativo testo, vengono spiegati la situazione di uno dei 33 laboratori subappaltati da Inditex, segnalato riferito dal Ministero del Lavoro brasiliano.

La camera è claustrofobica. E’ pieno di gente e macchine da cucire.
La combinazione di improvvisate apparecchiature elettriche e pile di tessuto ovunque, crea un serio rischio di incendio, ma non vi sono estintori in tale luogo.
Si tratta di una delle centinaia di botteghe di San Paolo che impiegano migliaia di lavoratori immigrati -la stragrande maggioranza della Bolivia- nel fare vestiti per il crescente mercato brasiliano.

Immigrati boliviani vengono a San Paolo in gran numero dal 1980 e oggi e sono tra le comunità con maggiore visibilità in città. In generale, i gruppi etnici indigeni vivono in povertà e tentano di sfuggire alle difficoltà del proprio paese, lavorando nell’industria dell’abbigliamento in Brasile.

I Boliviani come me che vengono in Brasile, vuole fare solo soldi e tornare a casa dalle nostre famiglie, ma finiamo imprigionato in questi piccoli luoghi, senza nessuna dignità“, dice un lavoratore che ha accettato di parlare a condizione di restare anonimo.
Sono qui da sei anni e non ho nulla. E tornare in Bolivia non è una buona scelta, perché ci sono cose ancora peggiori.

Gruppo per combattere la schiavitù urbana
Il problema risale da almeno 20 anni, ma recentemente il Ministero del Lavoro ha istituito un “Gruppo per combattere la schiavitù urbana“.
La sua missione è di trovare i negozi, farli chiudere in modo da regolarizzare la loro situazione e forzarli a  rispettare i diritti del lavoro dei lavoratori.

Non è come il tipo di schiavitù del XIX secolo, con le persone incatenate, ma la schiavitù moderna può essere anche peggio perché il lavoratore non ha alcun valore monetario e il datore di lavoro può facilmente sostituirlo“, afferma la segretaria nazionale dell’Ispezione del Ministero del Lavoro, Vera Albuquerque. La funzionaria ha ammesso che il problema esiste in Brasile e che non è una cosa da poco, ma osserva, “che è impossibile avere una stima del numero di persone che lavorano in queste condizioni“.
Questi lavoratori sono invisibili. Conosciamo il problema quando riceviamo lamentele e quindi inviamo i nostri team ad aiutarli“.

Il Codice penale prevede parametri oggettivi per definire ciò che egli chiama “lavorare in condizioni simili alla schiavitù”. I parametri includono giorni estenuanti, ambiente di lavoro inadeguato e restrizioni al diritto di pausa.

Molti lavoratori sono portati in Brasile dai “gatos” (trafficanti) e non possono lasciare il laboratorio fino a quando non pagano i debiti contratti durante il viaggio. Alcuni datori di lavoro sequestrano i documenti dei lavoratori“, dice il funzionario del Ministero del Lavoro, Luiz Alexandre Faria. “Di solito, quando arriviamo nelle botteghe, gli immigrati dicono di non essere schiavi, che lavorano sodo perché vogliono dare una vita migliore alle loro famiglie e la situazione nel loro paese d’origine è ancora peggio.
Ma Faria dice che la schiavitù non ha niente a che fare con la percezione della vittima, ma con le condizioni oggettive richieste dalla legge.
Se la situazione non è compatibile con la dignità umana, potremmo essere in presenza di lavoro forzato. La società brasiliana non può accettare ciò“, dice.


Paura
Quando arrivano gli ispettori presso le botteghe, gli operai boliviani tendono ad avere più paura per loro che per per i loro datori di lavoro, perché molti di loro sono irregolari a dispetto di un accordo bilaterale tra i due paesi che permettono ai boliviani di lavorare in Brasile. Il governo brasiliano nel 1995 ha ufficialmente riconosciuto l’esistenza del lavoro simile alla schiavitù in Brasile e ha avviato misure per combatterla, ma i funzionari riconoscono che chiudere le botteghe irregolari e punire i negozi illegali non risolve il problema in maniera definitiva.

Stiamo prendendo misure dure contro questo problema, ma sappiamo che l’educazione è l’unico modo per sbarazzarsi di questo per sempre. I lavoratori istruiti non accettano il lavoro in queste condizioni“, dice Vera Albuquerque.
Abbiamo bisogno di tutta la società per  partecipare a questa lotta”.


La Crescita economica
Gli esperti temono che la crescita economica del Brasile potrebbe aggravare la situazione, in quanto le aziende sono sotto pressione per produrre di più e ad un ritmo più veloce e un costo inferiore.


Leonardo Sakamoto, Reporter Brasil
Per ridurre i costi, le aziende stanno iniziando a limitare i diritti dei lavoratori e di pagarli sempre meno, fino al punto di privarli della loro dignità. Questo è quando si attraversa la linea di schiavitù“, ha detto Leonardo Sakamoto, fondatore della ONG Reporter Brasil, studiando la questione per oltre un decennio.
Sakamoto spiega che, fino a poco tempo fa, il governo brasiliano incentrava sulla lotta contro il lavoro-schiavo nelle zone rurali, ma mette ora più attenzione alla situazione urbana.

Il lavoro-schiavo in Brasile è come una stanza buia a cui le autorità stanno entrando con una torcia elettrica. Ovunque si punta la torcia, c’è qualcosa“, dice.

Mentre l’economia del Brasile continua a crescere, è probabile che aprano nuove fabbriche per sostituire quelle chiuse dalle autorità. Quindi, sembra ancora più facile attrarre gli immigrati poveri delle grandi città con la promessa di una vita migliore e un futuro migliore.

 Per info della stampa italiana, vedere Lavorano per Zara. I giudici: schiavismo del Corriere della Sera

Da Nexusco

Related posts

Il conformismo del cosiddetto “anticonformismo”

Caso Novartis: una vittoria per i diritti delle persone, una sconfitta per il monopolio delle multinazionali

Unione Europea: i Corrotti al Comando

informazione-consapevole