Crea sito
Banche Banche centrali Bitcoin Contreconomia controfinanza Democrazia Diretta Economia economia e finanza alternative finanza internet moneta virtuale monete alternative peer to peer web

Bitcoin, la moneta digitale senza banca centrale

In momenti di crisi economica, o meglio finanziaria, diventano noti dei termini poco prima sconosciuti dalla maggioranza del pubblico. Parlare di euro, dollaro, delle politiche monetarie attuali dalle banche centrali come Fed e Bce, è divenuto un obbligo culturale, come se non si potesse parlare altro che di crisi finanziaria o debiti sovrani.

In realtà esistono monete/valute sconosciute ai più, che hanno un sistema a sé stante totalmente diverso (o quasi) dalle classiche monete a corso legale come Eur, Usd, Gbp, Yen.<

br />Si tratta del Bitcoin. Ma che cos’è?
È una moneta con un’economia a sé, pari ad un valore di 57 milioni di dollari, relativamente molto piccola rispetto alle altre economie. Rispetto alle altre monete ci sono delle differenze sostanziali:
Assenza della banca centrale – Non esiste una banca centrale che va a regolare le politiche monetarie del Bitcoin, non ci sono tassi di interesse, tantomeno si attuano politiche di espansione monetaria ecc. In sostanza, nessuno può controllare il valore reale del Bitcoin.

Quantità limitata di moneta – Il numero di bitcoin in circolazione è limitato a 21 milioni e questo limite fa sì che si creino con più facilità fenomeni deflattivi che inflattivi. La quantità di bitcoin aumenta in serie geometrica ogni 4 anni. La propensione deflattiva di questa moneta fa sì che, nel lungo periodo, via sia un aumento del valore reale della stessa, una probabile mossa per aumentare la domanda di bitcoin e  per tale motivo, i bitcoin sono divisibili fino all’ottava cifra decimale.
Una moneta senza banca centrale e con un potenziale guadagno sul valore reale della stessa nel lungo periodo.
Esiste un cambio Euro/Bitcoin?
Sì. Ad oggi, per 1 Euro servono 0,222216108316 Bitcoin. Notiamo come il BTC valga circa 4,5 volte 1 euro e come il trend del Bitcoin contro l’euro sia nettamente a favore della moneta digitale (vedi Grafico).
I traders della City ne sono ghiotti – Un trader della city di Londra, il quale ha preferito rimanere nell’anominato, ha dichiarato che trascorre 4 ore al giorno a comprare/vendere bitcoin. Secondo il trader, il 90% degli operatori tradano Bitcoin per avere un 2% di rendimento quasi immediato. Inoltre, il trader avrebbe comprato Bitcoin per ottenere un cospicuo rendimento nel lungo periodo.

Fonte:http://it.ibtimes.com/articles/31047/20120609/bitcoin-cambio-trader-valore.htm

Related posts

Save to Google, l’estensione per salvare i link su Chrome

Le banche Usa si preparano alla rottura dell’euro

CELENTE: NEL 2013 FINIREMO IN UN COLLASSO FINANZIARIO