Crea sito
Bernie Sanders Guerra in Iraq Hillary Clinton Imperialismo USA Iraq news Senza categoria USA

Bernie Sanders: l’invasione dell’Iraq ha portato all’instabilità attuale, il peggior errore di politica estera degli Usa

L'invasione dell'Iraq ha portato all'instabilità attuale, il peggior errore di politica estera degli Usa. Bernie Sanders

Al dibattito tra i candidati presidenziali del Partito Democratico, Bernie Sanders ha addossato la responsabilità per l’attuale instabilità nella regione mediorientale alla politica statunitense nella regione. Martin O’Malley,  ex governatore del Maryland ed ex sindaco di Baltimora, ha sposato a critica, mentre Hillary Clinton ha avuto un momento di difficoltà nel difendere il suo voto a sostegno dell’invasione dell’Iraq.
Il trio di contendenti democratici alla nomina presidenziale si è riunito per il secondo dibattito a Des Moines, Iowa, lo scorso sabato. In seguito agli attacchi di Parigi che hanno causato 129 vittime e oltre 300 feriti, la questione delle turbolenze in Medio Oriente e l’avanzamento dello Stato islamico è stato il primo argomento del confronto.
 
Il senatore del Vermont, Bernie Sanders, ha definito l’invasione dell’Iraq, “Uno dei peggiori errori della politica estera nella storia moderna degli Stati Uniti”. La sua critica era diretta all’ex Segretario di Stato Hillary Clinton, che ha votato per la guerra in Iraq, quando era senatrice dello stato di New York.
“Qualsiasi persona di buon senso sarebbe d’accordo che l’invasione dell’Iraq ha portato alla massiccia instabilità a cui stiamo assistendo in questo momento”, ha detto Sanders.
 
Clinton ha replicato facendo riferimento al “contesto storico”, dietro la decisione di invadere.
 
“Gli Stati Uniti sono stati purtroppo vittima di terrorismo per decenni”, ha detto, ricordando gli attacchi alle ambasciate americane in Kenya e Tanzania, così come l’11 settembre
 
“Penso che se siamo mai davvero intenzionati ad affrontare i problemi posti dal terrorismo jihadista abbiamo bisogno di capire e renderci conto che sono antecedenti a quello che è successo in Iraq”, ha aggiunto.
 
Tuttavia, la Clinton ha dichiarato che avrebbe invertito la decisione presa più di un decennio fa. “Ho detto l’invasione dell’Iraq è stato un errore”, una frase che sta ripetendo in diverse occasioni durante i dibattiti.
 
Sandars e O’Malley hanno continuato a discutere delle conseguenze dei “regime change” che Washington ha imposto.
 
“Se si guarda alla storia … troverete che … queste invasioni, questi rovesciamenti di governi, cambiamenti di regime, hanno delle conseguenze impreviste. Direi che su questo tema sono un pò più prudente del Segretario, e non sono un grande fan dei cambiamenti di regime “, ha affermato Sanders.
 
“Non si tratta solo di sbarazzarsi di un singolo dittatore”, ha detto l’ex governatore del Maryland, O’Malley. “Si tratta di capirne le conseguenze”, ha aggiunto, sottolineando la necessità di una migliore intelligence e pianificazione sul campo in Medio Oriente.
 
Alla domanda se gli Stati Uniti possono dichiarare guerra contro lo Stato Islamico, la Clinton ha risposto che non ci sarebbe stato bisogno perché l’autorizzazione per l’uso della forza militare (AUMF) è stata approvata nel 2001.

Related posts

Legacoop Emilia contro i profughi “volontari”: “Timore che sostituiscano i nostri lavoratori”

informazione-consapevole

Siria: in un documento alawiti mettono in discussione la permanenza di Assad

AEREO MILITARE RUSSO PRECIPITATO NEL MAR NERO: INCIDENTE O IPOTETICO COMPLOTTO TERRORISTICO ?

informazione-consapevole