Crea sito
British Petroleum compagnie petrolifere ENI Guerra in Libia Guerra per il petrolio Hess Imperialismo imperialismo multinazionale Libia Marathon Multinazionali Neocolonialismo Petrolio Repsol Total

Barili di pace

 Di Amedeo Ricucci
Barili di paceCi siamo. E’ adesso che inizia la vera partita. E che i veri duri entrano in gioco. Archiviata la guerra, le compagnie petrolifere occidentali stanno rientrando una dopo l’altra in Libia, per dividersene le spoglie. Tempo qualche mese e si capirà chi riuscirà a intascare le royalties più vantaggiose. E senza più quel rompi-coglioni di Gheddafi a dettarne le condizioni, di sicuro il business sarà redditizio per tutti.
Al momento, riferisce il New York Times,  la produzione è attestata sul 40% dei livelli pre-bellici. Ma la buona notizia è che il grosso degli impianti non è stato danneggiato nei sette mesi di guerra che hanno sconvolto il Paese. Il che vuol dire che entro giugno del prossimo anno – questa è la stima del CNT di Bengasi – la Libia potrebbe di nuovo superare la soglia di 1,5 milioni di barili di greggio al giorno, come in passato. Tornando perciò ad essere il quarto esportatore africano – dopo Nigeria, Angola e Algeria – ed uno dei primi venti al mondo.  Si vedrà. Il vero scoglio per ora è la sicurezza, che non è affatto garantita: lo dimostrano gli scontri fra bande che imperversano in diverse zone e che difficilmente cesseranno se non si provvederà  alla requisizione delle armi, che attualmente in Libia sono più diffuse dei telefonini. Non a caso, per il momento solo alcune compagnie hanno accettato di rientrare a Tripoli: l’Eni, la francese Total e la spagnola l.Repsol. Tentennano gli inglesi della BP, così come gli americane della Marathon e della Hess, che pure non vedono l’ora di mettere le mani sulla torta libica. inoltre, solo il 20% dei tecnici stranieri in grado di far funzionare gli impianti è rientrato in Libia. E questo è un ulteriore ostacolo al ripristino della normalità. <

br />La riapertura dei rubinetti consentirà comunque a breve di capire molti retroscena della guerra che si è appena conclusa. Si capirà ad esempio se è vero che l’attivismo bellico di Nicolas Sarkozi ha assicurato alla Total il 35% del petrolio libico. Oppure se l’Eni riuscirà a mantenere la sua posizione di interlocutore privilegiato e di primo beneficiario, come in passato. Qualche giorno fa,  Ali Tarhoumi, che è l’attuale ministro libico delle Finanze e del Petrolio, ha dichiarato che di nuovi contratti con le compagnie petrolifere si parlerà solo dopo le elezioni del nuovo governo, cioè fra otto mesi. Negli stessi giorni, a Doha, in Qatar, il presidente del CNT, Mustapha Abdeljelil, ha però dichiarato che la Libia è pronta a intensificare le sue prospezioni sia per quanto riguarda il petrolio che il gas. Per le compagnie occidentali c’è insomma di che fregarsi le mani. Anche perchè, senza più Gheddafi fra i piedi – e con i dividendi della guerra da riscuotere – i nuovi contratti non potranno che essere assai vantaggiosi.

Da Amedeo Ricucci.it

Related posts

Gheddafi e i suoi ribelli

La riabilitazione del colonialismo come “nuova via democratica”

informazione-consapevole

I capitali cinesi e il saccheggio neocolonialistico delle cascate Vittoria