Crea sito
Abdul Mutaleb Bassim Arabia Saudita Diritti umani monarchie del Golfo news Pena di morte Senza categoria Video

Arabia Saudita: donna decapitata in strada mentre gridava la sua innocenza



Di Salvatore Santoru

Ha fatto scandalo in Arabia Saudita e nel mondo la pubblicazione, sparita poco dopo, online di un video che ritrae l’esecuzione di una donna nelle strade di La Mecca.

La donna,Abdul Mutaleb Bassim, è stata decapitata con una spada e sino all’ultimo ha affermato la sua innocenza rispetto all’accusa di omicidio della figliastra, per cui era stata condannata.

Abdul Mutaleb Bassim è la decima persona decapitata nel paese dall’inizio dell’anno, mentre nel 2014 sono state in totale 87 le persone che hanno subito tale condanna a morte.

Inoltre, due settimane fa l’attivista e blogger Raif Badawi era stato sottoposto alle prime 50 delle 950 frustrate che le autorità gli hanno inflitto, a causa delle critiche che lo stesso aveva rivolto verso alcune personalità del regime.



L’Arabia Saudita è uno dei paesi peggiori dal punto di vista dei diritti umani e civili, fondato su una rigida applicazione della Sharia e un’interpretazione radicale dell’Islam (wahhabismo), eppure gode ancora di ottimi rapporti con gli USA,

Inoltre, non molto tempo fa Obama si esibì in un baciamano e un’inchino per il monarca assoluto Abd Allah.

Tutto questo mentre lo stesso presidente “democratico” insieme ai sauditi, preparava l’intervento militare in Siria, bloccato grazie al veto russo e cinese all’ONU, che avrebbe trasformato il paese in una colonia del fondamentalismo islamico, contando che buona parte dei gruppi e delle milizie armate islamiste sono finanziate dagli stessi sauditi, oltre che da Quatar e Turchia.

Related posts

Scoperte due nuove lune attorno a Urano

informazione-consapevole

David Bowie “profetico” sulla sua morte con la canzone Lazarus

informazione-consapevole

Fairphone, il primo smartphone etico ed equo-solidale

informazione-consapevole