Crea sito
analisi mito di Narciso opinioni realtà aumentata Senza categoria Società società dell'immagine società postmoderna

Ammaliati e affascinati dalla società dell’immagine

Una moltitudine di immagini ci “colpisce” ogni giorno, video, suoni, informazioni svariate, icone, simboli e segni vari: tutto ciò crea un immenso immaginario collettivo, tutto ciò crea la “società dell’immagine”, “sovrastruttura” della società contemporanea tecnologica e “ultraliberista”.

Ogni giorno grazie ad internet e alla televisione ci muoviamo in un’immensa città dalle luci sfavillanti, “un’immensa Las Vegas” in cui si compenetrano la vita “reale” e la vita “virtuale”, un’immensa città in cui la linea di separazione tra reale e fittizio sembra diventata invisibile.

Un’enorme illusione “barocca” quella creata dalla società dell’immagine, un incantamento e una suggestione che copre il vuoto che è sotto, un vuoto esistenziale e post-ideologico.

Insegne luminose, cartelloni pubblicitari, icone, simulacri e tanto altro: questa è la società dell’immagine, ornamento, patina superficiale, ma soprattutto una scenografia ben architettata con un solo scopo, quello di “manipolare” e di “ammaliare”, ammaliare come farebbe una chimera o un incantesimo.

Ogni giorno camminiamo in un labirinto “artefatto e affascinante”, un labirinto che non esiste, un labirinto che è pura illusione multimediale, qualcosa di falsificato e contraffatto all’inverosimile.

Mcluhan richiamando il mito di Narciso paragona noi contemporanei a Narciso che si riflette nello specchio d’acqua: come Narciso rimane “stregato”di fronte alla sua immagine nello specchio d’acqua così noi rimaniamo ammaliati e affascinati dalle tecnologie e dalla società dell’immagine.

Related posts

La Lav accusa il governo: “Finanzia i circhi condannati per le violenze sugli animali”

Il dogma europeista

informazione-consapevole

USA:lettera di bambina di 5 anni ad Obama: «Please, ferma la guerra»