Crea sito
1 rivoluzione industriale ambiente analisi Anticapitalismo Capitalismo Economia Henri Pirenne inquinamento Medioevo opinioni Rinascimento sfruttamento dell'ambiente storia

Alle origini del capitalismo

Secondo H. Pirenne il capitalismo era già presente nel Medioevo: secondo lo storico belga esso si evolve nel Rinascimento sia in Italia che in Nordeuropa. Il capitalismo italiano dell’epoca faceva riferimento a Firenze e altri centri fiorenti dell’Italia di quel tempo. Inoltre in queste società, che potremmo meglio definire come pre-capitalistiche, si producono risorse e beni da impiegare anche per fini non economici e produttivi come consolidare il potere e ottenere maggiore influenza politica oppure “coltivare la bellezza” proteggendo letterati e artisti oppure ancora ostentare tramite il lusso il proprio status sociale.
Secondo Pirenne c’era molta regolamentazione e vincoli che impedivano a queste forme “primordiali” di capitalismo di espandersi “senza misura”.
Secondo Pirenne dalla prima metà del XV secolo questa situazione economica incomincia a trasformarsi e una nuova classe capitalistica nasce un po ovunque. Secondo lo storico belga è una classe di avventurieri che anelano alla “libertà” e “disprezzano” ogni vincolo o impedimento all’espansione del commercio. Essi sapranno “industrializzare” le campagne utilizzando manodopera a basso costo, finanzieranno i grandi principi, ma soprattutto porranno le basi per la prima vera grande accumulazione di capitali avvenuta nel 1600.
Quest’ultima porterà alla prima rivoluzione industriale e al conseguente utilizzo dei combustibili fossili che è alla base dell’inquinamento ambientale odierno.
Per molti punti di vista bisognerebbe tornare indietro nel tempo, quando si sfruttavano l’ambiente e gli ecosistemi in modo armonioso ed equilibrato e allo stesso tempo non troppo “invasivo”.
Come abbiamo appurato grazie a Pirenne uno dei fattori dell’espansione del capitalismo fin dalle origini è stata la mancanza di regolamentazione e di “freni” ad un’espansione “sfrenata”.
I danni che il capitalismo contemporaneo ha portato all’ambiente e agli ecosistemi sono incommensurabili. Inoltre le sue crisi cicliche “portano alla rovina” intere popolazioni.
Se guardiamo al passato vediamo bene che un capitalismo moderato da regolamentazione e da vincoli, come è stato anche dopo la “depressione” del 1929, comporta società ricche e fiorenti, eccezione fatta per carestie e siccità a cui si potrebbe ovviare con riserve alimentari.
Impariamo dal passato quindi e usiamolo per vivere nel futuro.

Related posts

Stop alle centrali a Carbone nei paesi scandinavi. E in Italia?

informazione-consapevole

L’opinione dello storico Stefano Fabei sulle controverse affermazioni di Netanyahu: “Ecco chi era il Gran Muftì”

informazione-consapevole

Tutti gli affari in bilico tra Turchia e Russia

informazione-consapevole

2 comments

elo boost Marzo 31, 2014 at 8:41 am

i like your own composing, it's therefore understandable, enjoyable as well as readable.. thx.Buy Fifa 14 CoinsBuy elo boost

elo boost Marzo 31, 2014 at 8:41 am

i like your own composing, it's therefore understandable, enjoyable as well as readable.. thx.Buy Fifa 14 CoinsBuy elo boost

Comments are closed.