Crea sito
aborto aborto forzato antidiscriminazioni diritti delle donne discriminazioni news Senza categoria Teri Cumlin

«Abortisci o ti licenzio» dal datore di lavoro: ecco come ha reagito una 22enne incinta

Teri Cumlin (Mirror)

http://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/laquoabortisci_o_ti_licenzioraquo_dal_datore_di_lavoro_ecco_come_ha_reagito_una_22enne_incinta/notizie/1428459.shtml

Licenziata perché incinta. Teri Cumlin, operatrice britannica in un’associazione caritatevole, ha portato alla ribalta la sua vicenda giudiziaria. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;
Il manager della società di raccolta fondi per beneficenza in cui lavorava, le aveva chiesto di abortire al fine di mantenere il suo posto; in caso contrario, cosa che è poi avvenuta, sarebbe stata licenziata. “Se vuole fare carriera deve interrompere la gravidanza”, le era stato detto. “Sono scoppiata a piangere e gli ho detto che avevo già subito un aborto in precedenza”, racconta.

La 22enne ha rifiutato e si è vista licenziare due mesi prima del parto, ma ha portato il capo in tribunale. Teri ha vinto la causa e ha diritto a 12mila sterline di risarcimento per licenziamento ingiustificato e per discriminazione.

Related posts

Lo ziqqurat di Monte D’Accoddi (Sassari)

Chomsky e ‘impotenza dei «Sistemi di potere» di fronte al disastro ambientale

La rete spagnola che finanzia l’ISIS