Crea sito
Abdel Majid Touil news strage di Tunisi terrorismo islamico

Abdel Majid Touil,il jihadista recentemente arrestato per la strage di Tunisi, entrava e usciva dall’Italia per reclutare nuovi terroristi



Di Sergio Rame

Il marocchino 22enne arrestato dalla Digos di Milano a Gaggiano per l’attentato del museo del Bardo di Tunisi si chiama Abdel Majid Touil.

Era già stato identificato nel febbraio 2015, un mese circa prima dell’attentato, a Porto Empedocle dopo essere arrivato, insieme ad altri novanta immigrati, a bordo di unbarcone. Qualche giorno dopo gli era poi stato notificato il decreto di espulsione. Qualcosa, però, non ha funzionato perché, dopo la mattanza di Tunisi, Touil è riuscito tranquillamente a rientrare in Italia e trasferirsi nel Milanese, dove vivono la madre e il fratello.
Touil ha partecipato all’attentato commesso, che il 18 marzo scorso ha fatto 25 vittime, tra cui quattro italiani, “sia nella fase di pianificazione sia in quella esecutiva”. Su di lui, secondo le norme tunisine, pende una serie di accuse che vanno dall’omicidio volontario all’adesione a organizzazione terroristica, dall’incendio alla cospirazione contro la sicurezza interna dello Stato. Non si sa con precisione quando sia rientrato in Italia. Ad metà aprile, e quindi un mese dopo l’attentato al Museo del Bardo, la madre del marocchino è andata alla stazione dei carabinieri di Trezzano sul Naviglio per denunciare la scomparsa del passaporto del figlio. Touil è, quindi, rientrato una seconda volta in Italia da clandestino dimostrando quanto siano farraginose le nostre frontiere e, soprattutto, che sui barconi che attraversano il Mediterraneo viaggino anche pericolosi terroristi.
Nel corso della perquisizione a Touil, soprannominato “Abdallah”, la Digos di Milano ha sequestrato del materiale, tra schede e appunti, che costituisce un ulteriore spunto di approfondimento delle indagini. Di sicuro, per le autorità tunisine, Touil non è solo un terrorista operativo ma anche un organizzatore degli attentati e, come si legge nelle carte trasmesse da Tunisi all’Italia, un reclutatore di jihadisti“Non risultava che in Italia frequentasse moschee vicine al fondamentalismo – ha detto il capo della Digos, Bruno Megale – e per noi, prima della segnalazione dell’intelligence e delle autorità tunisine, a parte il decreto di espulsione, era uno sconosciuto. Se dalle verifiche incrociate sui database all’attività operativa siamo riusciti a catturarlo, allora vuol dire che i controlli funzionano”.

Fonte:http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bardo-jihadista-clandestino-entrava-e-usciva-dallitalia-recl-1130848.html

Related posts

BERLINO: FACCIA A FACCIA RENZI-MERKEL: SUL TAVOLO AUSTERITÀ, MIGRANTI E BANCHE

informazione-consapevole

Bere acqua prima di un esame aiuta a superarlo. Lo studio di due università britanniche

Lucrava sugli aiuti ai migranti, arrestato dirigente di una onlus