Crea sito
Home Blog

LIBRO,SALVATORE SANTORU: ALLA RICERCA DELLA CONSAPEVOLEZZA(RACCOLTA DI ‘POESIA CONSAPEVOLE’)

0

Di Salvatore Santoru

Sabato 13 maggio 2017 ho pubblicato un breve libro/ebook basato su una raccolta di poesie,avente 27 pagine.
Tali ‘poesie consapevoli’ sono incentrate sulle tematiche della spiritualità e della psicologia e sopratutto su alcuni aspetti introspettivi dell’esistenza e sul Senso Della Vita.

TERRORISMO, IN FRANCIA SVENTATO UN’ATTACCO IMMINENTE

0

Di Salvatore Santoru

In Francia è stato sventato un’imminente attacco terroristico.
Come riportato dall’Huff Post(1) le autorità francesi hanno minaccia “imminente” in seguito alle perquisizioni che hanno portato all’arresto di quattro persone a Monpellier.
“Siamo di fronte a una minaccia terroristica estremamente elevata”, ha dichiarato il primo ministro francese, Bernard Cazeneuve.
NOTE:

ECCO PERCHE’ IL ‘MUSLIMBAN’ E’ UNA FAKE NEWS

0

Di Salvatore Santoru

Le parole sono importanti e il loro utilizzo nell’ambito dei mass media ha un forte ruolo nell’orientare le opinioni dell’opinione pubblica.
Si pensi al controverso e giustamente criticato decreto dell’amministrazione Trump che è stato ribattezzato “Muslim Ban” e che oggettivamente “muslimban” non è.
Nonostante moltissimi, iniziando dai media mainstream e passando alle opposizioni liberal anti-Trump e finendo ai movimenti islamici conservatori nonché agli isamisti politici e ai jihadhisti di Al Qaeda e dell’ISIS(1),hanno parlato di un procedimento volutamente contro i musulmani e l’Islam in sé tale procedimento non è.
Non c’è stata nessuna “sospensione del divieto d’ingresso per i viaggiatori musulmani” di cui parla(per citare un’esempio, visto che sono tantissimi) “Internazionale”(2) semplicemente perché i paesi interessati sono 7 e i cittadini a cui è sospeso per tre mesi l’ingresso sono sia musulmani come cristiani,laici o ebrei.
Affermare che ci sia stato un “muslimban” è una vera e propria fake news e non è dare un’informazione corretta e risulta interessante il fatto che gli stessi media mainstream che parlano dell’allarme fake news non si fanno scrupoli nel divulgarle quando sono conformi ai loro interessi ideologici o economici, e su tale argomento è interessante la ricostruzione di ben 16 fake news che i media mainstream hanno contribuito a diffondere dopo la vittoria di Trump(3).
Sul “muslimban” risulta molto interessante la lettera presente nel blog di Beppe Severgnini(4) sul “Corriere Della Sera” di un’uomo che ha vissuto negli USA e nel Messico e che si dice critico di Trump ma si trova in posizione ancora più critica verso la campagna anti-Trump dei media mainstream e sostiene che il “Muslim Ban” è una bufala, in quanto è una sospensione che non riguarda i musulmani in sé(5).

Riflettiamo un’attimo: ma se un paese a maggioranza islamico o buddhista decidesse di non far entrare gli italiani,i greci,i polacchi e altri cittadini di paesi a maggioranza cristiana per tre mesi qualcuno parlerebbe realmente di “christian ban”…

Eh inoltre, il fatto che i cittadini israeliani non possano entrare in 16 paesi per questioni politiche(6) come mai non è considerato un “jew ban” ? …

Qualcuno risponderà perché è un fatto politico, e ugualmente lo si può dire del “muslimban” che è appunto un controverso procedimento di natura politica e non religiosa e qua sta la fake news e la disinformazione che ne viene fatta.

NOTE:

(1)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/01/muslimban-jihadhisti-sostengono-che-e.html

(2)http://www.internazionale.it/notizie/2017/02/10/una-corte-d-appello-federale-ha-confermato-la-sospensione-del-divieto-d-ingresso-per-i-viaggiatori-musulmani-imposto-da-trump

(3)http://www.agi.it/estero/2017/02/08/news/le_16_fake_news_contro_trump_messe_in_giro_dalla_grande_stampa-1467165/

(4)http://italians.corriere.it/

(5)http://italians.corriere.it/2017/02/09/50999/

(6)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/02/a-proposito-del-muslimban-in-questi.htm

 

IL BELGIO SI E’ FATTO SFUGGIRE UN’ALTRO MILIZIANO DELL’ISIS GIA’ CONDANNATO: E’ STATO ARRESTATO IN TURCHIA PRIMA CHE ENTRASSE IN SIRIA

0

 

Di Salvatore Santoru

Il Belgio si è fatto sfuggire un’altro miliziano dell‘ISIS.

Si tratta,come riporta il “Foglio”(1) di Khaled Khattab, un giovane belga-siriano ventiseienne che è stato arrestato poche settimane fa dalle autorità turche poco prima che entrasse illegalmente in Siria.

Khattab era stato già condannato in tribunale ma era stato lasciato in libertà.

NOTE:

(1)http://www.ilfoglio.it/esteri/2017/02/09/news/terrorismo-belgio-combattente-isis-119553/

 

NEL 2016 LA PRODUZIONE INDUSTRIALE E’ CRESCIUTA DELL’1,2%

0

Risultati immagini per produzione industriale

Di Salvatore Santoru

Come riportato dall’ANSA(1) nel 2016 la produzione industriale è cresciuta dell’1,2% sulla base dei dati grezzi e dell’1,6% se tenendo conto degli effetti di calendario.
I dati sono stati resi noti dall’Istat, secondo cui il picco produttivo si è registrato verso la fine dell’anno,

NOTE:

(1)http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2017/02/10/industria-in-crescita-nel-2016-12_25bbf6a7-87ef-4f19-a075-7ada4af8be41.html

ARTICOLO PUBBLICATO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/02/nel-2016-la-produzione-industriale-e.html

LIBRO,SALVATORE SANTORU: ‘NUOVO ORDINE MONDIALE, SEMPLICE TEORIA DELLA COSPIRAZIONE O ALTRO ?

0

Di Salvatore Santoru

Nel 2014 ho fatto un piccolo ‘libro’/ebook sulla controversa teoria del Nuovo Ordine Mondiale(NWO)già affrontata in questo blog varie volte.
Tale teoria è oggetto di contesa tra chi la ritiene valida(spesso teorici del complotto o sostenitori della controinformazione geopolitica) e scettici.
In linea di massima c’è da dire che spesso e volentieri le teorie di chi sostiene l’esistenza del NWO si presentano assai estremizzate e spesso sono angoscianti, ma comunque c’è un fondo di verità in esse ed è costituito dall’agenda della cosiddetta ‘elite globalista‘ che da diverso tempo ha cercato e cerca di costruire uno stato e una governance globale e per la diffusione della sua agenda politica si è servita e si serve di importante lobby e think thank come il Bilderberg,la Trilateral Commission o il CFR ma anche di conferenze assai meno nascoste come quella di Davos e organizzazioni come la Banca Mondiale o il Fondo Monetario Internazionale.
In tale ebook vi è una raccolta di articoli del blog sul tema che propendono verso la teoria cospirativa e si accenna anche agli aspetti misteriosi e “occulti”, come quello del ‘Boehmian Grove’.
Comunque sia, un’assai breve ebook di 56 pagine consigliato per gli appassionati al tema o semplicemente per i curiosi e che risulta interessante integrare con altre fonti più ampie per farsi un’idea il più imparziale possibile su questo controverso tema.

  • Salvatore Santoru: ‘NWO,Nuovo Ordine Mondiale Alle Porte?: Realtà,semplice teoria della cospirazione,mere fantasticherie o altro ?’, (56 pagine,2014,autoproduzione).

Buona Lettura…

ARTICOLO PUBBLICATO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/02/libro-nuovo-ordine-mondiale-semplice.html

E SU https://informazioneconsapevoleblog.wordpress.com/2017/02/10/librosalvatore-santoru-nuovo-ordine-mondiale-semplice-teoria-della-cospirazione-o-altro/

SICURO DI SAPER DISTINGUERE UNA NOTIZIA VERA DA UNA FALSA? METTITI ALLA PROVA

0
Risultati immagini per FAKE GENUINE
Nonostante negli ambienti liberal gli elettori di Trump siano considerati più o meno dei subumani ignoranti, incapaci cioè di distinguere notizie vere da notizie false, la verità è che di fronte alle cosiddette fake news (se mai esistono davvero) siamo tutti uguali: cioè creduloni e disinformati. Non lo dice LinkPop, ma un sondaggio di YouGov, condotto per conto di Channel 4 nel corso della “Fake News Week”.
Almeno 1.684 adulti, di varia estrazione, sono stati messi alla prova con sei titoli di notizie: tre vere e tre inventate. Risultato? Solo il 4% degli intervistati è riuscito a distinguerle tutte in modo corretto. Cioè 67 su 1.684. Ma come: tutti gli altri sono elettori di Trump? Certo che no. La risposta è che, potendo giudicare solo dalla titolazione, è difficile capire se si tratti di una storia vera o falsa. E questo capita a tutti, anche a chi non appartiene alla massa del popolo-bue che vota The Donald (che poi, nella realtà, esiste solo nell’immaginazione di chi legge il New Yorker e non esce dalla Fifth Avenue).
Ma voi sareste in grado? Siete immuni dalle notizie false? Siete davvero informati? Ecco allora i sei titoli che hanno tratto in inganno i partecipanti del test di YouGov.
1. Immigrants to be given £8,500 upon arrival to boost economy
2. Tourist bitten by massive crocodile after trying to take a selfie
3. Iceland to host New Year’s Eve party for asylum seekers
4. Essex villages High Easter and Good Easter forced to change offensive names after complaints
5. Trump offering free one-way tickets to Africa, Mexico for those who wanna leave America
6. Donald Trump picks millionaire oil boss with close links to Vladimir Putin as Secretary of State
Come si è detto, tre sono vere e tre sono false. Per sapere quali (e perché), basta cliccare qui­.

Massimo D’Alema dice no alla scissione nel Pd e al voto anticipato. “Se si vota ora spread a 400”

0
No al voto anticipato e nessuna scissione del Pd, ma l’obiettivo di una “discontinuità con la stagione renziana” resta. In un’intervista a Repubblica, Massimo D’Alema, ritorna a parlare di legge elettorale, Pd ed elezioni. “L’idea di precipitare verso elezioni anticipate con una legge proporzionale, con prospettiva certa di ingovernabilità, è una scelta folle. Con quale progetto? Con quale ipotesi di alleanze?”, chiosa D’Alema.
D’Alema spiega perchè sarebbe un errore andare subito al voto
“La situazione del Paese è gravissima. I dati sullo spread dimostrano che ogni incertezza internazionale ha un effetto immediato sull’Italia. In Europa siamo ultimi per crescita, quartultimi tra i 30 Paesi più industrializzati. Sono cresciute gravemente povertà e diseguglianze. Drammatica è la frattura tra Nord e Sud. Il meccanismo di crescita dell’occupazione, sostenuto dagli incentivi, si è inceppato. La priorità del governo oggi dovrebbe essere dare risposte alla crisi”. Altrimenti, “finirebbe con lo spread a 400”.
Per l’ex premier è fondamentale un cambio di passo nel Pd
“Se prevalgono buon senso e responsabilità riprenderà il percorso ordinario che porta al congresso del Pd. Ma l’obiettivo resta la discontinuità con la stagione renziana. Serve un cambio di contenuti e di guida. Quando ci saranno il congresso e i candidati farò le mie valutazioni. Oggi registro che da Bersani a Speranza, Emiliano, Rossi, sosteniamo posizioni simili e lo stesso Cuperlo ha più volte sottolineato che Renzi non può essere la guida adeguata di un nuovo centrosinistra”
Sulla legge elettorale, D’Alema non esprime entusiasmo per una coalizione
“Non ho una particolare predilezione per i premi di coalizione. E non capisco bene quale sarebbe la coalizione del Pd. Pisapia ha già detto che non ci sta. Quindi sarebbe da Alfano a Franceschini e Delrio. Mi ricorda qualcosa, si chiamava Democrazia cristiana”

Massimo D’Alema dice no alla scissione nel Pd e al voto anticipato. “Se si vota ora spread a 400”

0
No al voto anticipato e nessuna scissione del Pd, ma l’obiettivo di una “discontinuità con la stagione renziana” resta. In un’intervista a Repubblica, Massimo D’Alema, ritorna a parlare di legge elettorale, Pd ed elezioni. “L’idea di precipitare verso elezioni anticipate con una legge proporzionale, con prospettiva certa di ingovernabilità, è una scelta folle. Con quale progetto? Con quale ipotesi di alleanze?”, chiosa D’Alema.
D’Alema spiega perchè sarebbe un errore andare subito al voto
“La situazione del Paese è gravissima. I dati sullo spread dimostrano che ogni incertezza internazionale ha un effetto immediato sull’Italia. In Europa siamo ultimi per crescita, quartultimi tra i 30 Paesi più industrializzati. Sono cresciute gravemente povertà e diseguglianze. Drammatica è la frattura tra Nord e Sud. Il meccanismo di crescita dell’occupazione, sostenuto dagli incentivi, si è inceppato. La priorità del governo oggi dovrebbe essere dare risposte alla crisi”. Altrimenti, “finirebbe con lo spread a 400”.
Per l’ex premier è fondamentale un cambio di passo nel Pd
“Se prevalgono buon senso e responsabilità riprenderà il percorso ordinario che porta al congresso del Pd. Ma l’obiettivo resta la discontinuità con la stagione renziana. Serve un cambio di contenuti e di guida. Quando ci saranno il congresso e i candidati farò le mie valutazioni. Oggi registro che da Bersani a Speranza, Emiliano, Rossi, sosteniamo posizioni simili e lo stesso Cuperlo ha più volte sottolineato che Renzi non può essere la guida adeguata di un nuovo centrosinistra”
Sulla legge elettorale, D’Alema non esprime entusiasmo per una coalizione
“Non ho una particolare predilezione per i premi di coalizione. E non capisco bene quale sarebbe la coalizione del Pd. Pisapia ha già detto che non ci sta. Quindi sarebbe da Alfano a Franceschini e Delrio. Mi ricorda qualcosa, si chiamava Democrazia cristiana”

Kia presenta la nuova versione Hybrid della Niro

0

Risultati immagini per 2017 kia niro hybrid

http://www.askanews.it/altre-sezioni/motori/kia-presenta-la-nuova-versione-hybrid-della-niro_7111003329.htm


 Kia presenta la nuova versione Hybrid della Niro. Si tratta della prima volta di Kia nel settore a propulsione ibrida e da come ha reagito immediatamente il mercato si prevede che il marchio coreano abbia colto nel segno.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});




Il merito è sicuramente quello di essere riusciti a creare una formula unica che concentra i valori delle tecnologie più avanzate, uno stile unico ed entusiasmante e i contenuti pratici di un crossover compatto.
La Kia Niro ibrida sarà presente in tre distinte versioni Urban, Style ed Energy, ciascuna delle quali rappresenta un’offerta mirata e completa, con dotazioni tarate sui diversi “stili di utilizzo” senza necessità di troppi optional.
La versione d’ingresso Urban vanta un equipaggiamento completo che comprende, fra l’altro, luci a LED, cruise control e controllo della marcia in corsia, climatizzatore automatico e Bluetooth ad attivazione vocale. La versione Style, cuore della gamma Niro, corrisponde invece alla ricca versione di lancio, mentre al top si aggiunge l’allestimento Energy con tutti i contenuti di un’autentica ammiraglia, come AEB, Smart Cruise Control, Kia Navigation System da 8″, sistema audio JBL, sedili in pelle e fari allo xeno.
Venendo al cuore della vettura Kia Niro è dotata di un motore ibrido parallelo, ossia i due motori possono funzionare sia singolarmente che in modo abbinato, che utilizza un propulsore termico 1600 a iniezione diretta e uno elettrico da 32 kW alimentato da batterie ai polimeri-ioni di litio. Le emissioni di CO2 sono bassissime, si parla di appena 88 gr/km di consumo corrispondente di soli 3,8 litri/100 km. Ricordiamo inoltre che Kia Niro usufruisce come tutte le altre vetture del Gruppo della esclusiva garanzia estesa a 7 anni o 150.000 chilometri.